Home Attualità Lorenzo Crisafulli, un ragazzo de "La...

Lorenzo Crisafulli, un ragazzo de “La meglio gioventù che fugge dal Sud”

Dalla Calabria a Sheffield, passando per Amsterdam. Lorenzo Crisafulli, reggino, fa parte dei tanti emigrati dal Sud del Sud del Bel Paese che ha conquistato la sua serenità altrove, costruendo e mai dandosi per vinto. Non una fuga, però.

Tanta la voglia di viaggiare e di conoscere il mondo, di confrontarsi e mescolarsi con altre realtà, con altre culture e fare qualcosa di diverso. Ed ecco che da prima del 2016 Lorenzo è in giro per l’Europa. Tutto era iniziato con spirito di avventura, poi lo studio e le specializzazioni nel settore della ristorazione, passione che ha concretizzato con l’accademia di cucina a Roma. La voglia di imparare l’inglese, un’infinità di curriculum inviati e la partenza. Una volta arrivato, maniche rimboccate e tanto impegno. Adesso vive a Sheffield e lavora nella catena ‘Aldi’.

«Ho deciso di fare questo dopo aver svolto altri lavori in Uk, in settori diversi: dalla fabbrica, alle compagnie di caffè all’estenuante lavoro in fabbrica». Lorenzo non è un “garantito”, cosa che spesso caratterizza chi ottiene significativi successi all’estero. «In Italia spesso ci fanno sentire inadeguati, ma non lo siamo affatto. Qui mi sono sempre trovato benissimo, avendo la fortuna di trovare persone splendide. Sono riuscito a integrarmi. Ho migliorato il mio inglese, specie lavorando con il pubblico.

Gli inglesi – confida – sono una popolazione assai particolare, anche per tutte le vicissitudini storiche che hanno caratterizzato la personalità di molti di loro. Nel lavoro – però – se metti passione e impegno si ottengono grandi soddisfazioni sia personali che economiche, con gratificazioni a tutto tondo e promozioni».

Ha fatto anche il manager, Lorenzo. «Si sta bene qui. Non esistono apprendisti con 10 anni di esperienza, le persone che lavorano o che hanno intenzione di imparare, lo possono fare. Si è valorizzati, non ti buttano giù, sin dall’impostazione mentale, stimolando e motivando». Tanti sono stati negli anni i cambiamenti in Uk, come il processo della Brexit: «Con il passare degli anni probabilmente, si affievolirà e poco a poco si ritornerà come prima, magari con il cambio alla guida del Paese. La situazione generale non è delle migliori al momento. La pandemia ha segnato anche la quotidianità, si avverte un po’ di tensione che però non è comunque sfociata in problemi sociali».

Da quasi tre anni Lorenzo è fidanzato con una ragazza inglese, con cui ha condiviso chiaramente la pandemia dovuta dal Covid. Un anno lungo, caratterizzato da un po’ di nostalgia: «Mi manca tornare a Reggio, che sarà sempre la mia città, mi mancano i miei affetti, i miei amici, mi manca il mare, l’aria, il profumo della domenica e la domenica come ‘giorno speciale’. Mi manca il ‘tornare’».

Del resto, la Calabria è per molti, da ormai troppo tempo, partenza di un percorso in cui si stratificano ricordi, affanni e nostalgie comuni e anche Lorenzo ne è erede e custode, pronto a proseguire il cammino della nostra stessa origine. Lacrime di nostalgia ma soprattutto lacrime di gioia da parte di Lorenzo Crisafulli, un giovane uomo del Sud che di certo rende orgogliosa la sua Calabria, pronta, si spera presto, a riabbracciarlo per lasciarlo andare di nuovo, felice, al suo posto nel mondo.