Sab 17 Apr 2021
Advertising
Home Attualità Salute&Benessere CDN scrive sulle mancate cure per...

CDN scrive sulle mancate cure per disturbi alimentari, d’accordo la senatrice Abate

Nei giorni scorsi la nostra collaboratrice Giovanna Mazzuca scrive sulle mancate cure in Calabria per i disturbi dell’alimentazione.

La dottoressa Mazzuca fa il punto della situazione in un’intervista al medico Gabriella Rocco, nella quale si evidenzia che la sanità calabrese è carente nei livelli di cura e accoglienza dei pazienti che sono affetti da questi tipi di disturbi dell’alimentazione.

Oggi interviene in merito la senatrice Rosa Silvana Abate.

“Ritengo anche io che sia necessaria e non più procrastinabile l’apertura di un centro per DCA residenziale (Disturbi Comportamento Alimentare) in Calabria.

Bisogna trovare una soluzione a questo problema che affligge, non soltanto tanti adolescenti, ma anche tanti adulti e che preoccupa quelle famiglie disperate che non sanno proprio come gestire delle situazioni estremamente difficili. Si tratta di fenomeni piuttosto gravi che colpiscono in modo subdolo e drammatico migliaia di giovanissimi, per lo più ragazze, fin dall’età puberale e mostra una continua evoluzione nelle modalità e nella tipologia di diffusione.

Ora è il momento di dire basta. C’è bisogno di maggiore conoscenza del problema: non è un caso che al Senato in Commissione “Sanità” si sta lavorando ad una legge sui disturbi alimentari (Ddl 189). Io stessa ho chiesto di adire un luminare che opera alla Federico II di Napoli e che da quasi trent’anni si occupa di questi gravi disturbi del comportamento alimentare. È ormai necessario un intervento di legge a livello nazionale per indirizzare e aiutare le famiglie, la scuola e gli operatori sanitari a compiere tutti quegli interventi che permettono di aiutare le persone in difficoltà ad uscire da questo tipo di patologia e a renderlo meno vulnerabile.

Disturbi seri come questi non possono rimanere più nascosti e, soprattutto, la Calabria non può e non deve essere nuovamente fanalino di coda anche in questo caso. Ribadisco la mia massima attenzione e collaborazione. Intanto, segnalerò anche io la necessità di intervenire subito in questa direzione, attraverso i canali ufficiali, al Ministro della Salute, Onorevole Roberto Speranza, al Commissario della Sanità Calabrese, Guido Longo, al Consiglio Regionale della Calabria e agli altri parlamentari Calabresi.”