Ven 16 Apr 2021
Advertising
Home Cronaca Migranti e poliziotti positivi, Fsp Polizia....

Migranti e poliziotti positivi, Fsp Polizia. “sono mesi che denunciamo inascoltati”

“Nessuna meraviglia che lo sfacelo della gestione dei migranti in molti centri di accoglienza produca danni soprattutto per la salute dei poliziotti italiani. Fin dalla scorsa estate stiamo dando l’allarme rispetto a una situazione esplosiva, a strutture non adatte a fronteggiare l’emergenza sanitaria che a nostro avviso sono bombe epidemiologiche soprattutto a causa dell’estremo sovraffollamento, a servizi per noi concepiti in maniera tale da esporre inutilmente gli operatori a rischi elevatissimi. Oggi altri quattro agenti in servizio positivi, e sei in attesa di tampone molecolare, pagano l’indifferenza e la superficialità di qualcuno, ed è ora che si accerti di chi, e che questo qualcuno paghi. Non si può giocare così con la salute dei poliziotti”.

Così Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato, torna sulle problematiche legate alla gestione dell’immigrazione, pronta a riesplodere con l’arrivo di stagioni più miti, complicata dall’emergenza legata al Covid-19.

“Fin da agosto abbiamo sollecitato interventi e soluzioni diverse per i Centro di accoglienza – ricorda Mazzetti – scrivendo anche al Dipartimento per denunciare una situazione non gestibile sotto il profilo delle norme anticovid. E soprattutto che lasciare una squadra all’interno di un centro, dove anche i padiglioni per i positivi non sono idonei a garantire l’isolamento, è per noi un rischio eccessivo, anche considerato che molti ospiti non tengono la mascherina. Ci è stato risposto che mentre altri operatori restano fuori, una squadra deve rimanere dentro come ‘deterrente’ per arginare tumulti o per sorvegliare che non ci siano allontanamenti. E’ chiara la debolezza di queste argomentazioni: a volte ci si trova con più di mille ospiti e dieci agenti che naturalmente non possono sedare alcun tumulto, né qualcuno può essere trattenuto con la forza, perché gli ospiti non sono privati della loro libertà personale. Riteniamo che la salute dei poliziotti non sia adeguatamente garantita, ma sovraesposta a rischi che sono limitabili e, infatti, non sono mancati quelli contagiati: più di dieci solo negli ultimi due mesi. E’ ora di capire chi ne abbia la responsabilità, e che gli si chieda di assumersela”.