Mar 13 Apr 2021
Advertising
Home Cronaca Lavori Piazza Bilotti: rinvio a giudizio...

Lavori Piazza Bilotti: rinvio a giudizio anche per Occhiuto. Il sindaco: “Chiarirò tutto”

“Ho sempre lavorato per il bene della città, come ho fatto per ogni lavoro ed opera pubblica che è stata realizzata durante il mio mandato di Sindaco. Il fatto che abbia stimolato i tecnici e i progettisti a completare le opere per la città non rappresenta una circostanza eccezionale, ma un modus operandi abituale finalizzato a far sì che tutte le procedure fossero concluse nel migliore dei modi. Anche nel caso di Piazza Bilotti ho semplicemente stimolato i tecnici a predisporre prima e nel migliore dei modi possibile tutti gli atti necessari per la consegna della piazza ai cittadini, ovviamente sempre nella massima sicurezza. Ogni mio comportamento posto in essere per accelerare le attività e la conclusione delle opere ha avuto come unico e solo obiettivo il bene della collettività. In questo caso, sinceramente, non capisco di cosa mi si accusi, ferma restando la mia piena fiducia nell’operato della magistratura”.

Lo afferma il Sindaco Mario Occhiuto dopo aver appreso la notizia del suo rinvio a giudizio per l’approfondimento nel merito delle questioni relative alle procedure per il collaudo di Piazza Bilotti.

“Chiarirò tutto – ha aggiunto Occhiuto – nella fase dibattimentale del procedimento che è la sede nella quale si approfondirà il merito delle questioni. Ho la coscienza a posto, perché mai ho agito a discapito della sicurezza e della incolumità dei cittadini.

Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto risulta tra gli imputati rinviati a giudizio per i lavori di piazza Bilotti insieme ad altri 13 fra amministratori, professionisti, imprenditori e dirigenti finiti nell’inchiesta che un anno fa portò al sequestro dell’opera pubblica della città dei bruzi. Oggi il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Catanzaro, Teresa Guerrieri accogliendo la richiesta del pm della Dda Veronica Calcagno ha disposto il rinvio a giudizio per Mario Occhiuto, Giorgio Ottavio Barbieri, Alvaro Antonio, Antonella Angotti, Francesco Converso, Gianluca Guarnaccia, Francesco Stellato, Francesco Tucci e Paola Tucci, Pasquale Torchia, Carlo Pecoraro, Raffaele Ferraro, Carlo Vernetti.