Lun 12 Apr 2021
Advertising
Home Economia Economia e Lavoro “Digital Communication Agency”: la sfida di...

“Digital Communication Agency”: la sfida di due giovani calabresi amanti della propria terra

di Mariafederica Martire

Si parla sempre più spesso di fuga di cervelli e per la Calabria questo è un discorso che non fa alcuna eccezione. Talvolta, però, anche qualche calabrese riesce a realizzare i propri sogni e lo fa nel campo che spontaneamente sceglie, come nel caso della “Digital Communication Agency”, un’agenzia di web marketing nata sul territorio cosentino, da poco meno di un anno, per mano di due giovani fondatori, la dott.ssa Paola Guaragna e Antonio Basile

Ma a cosa servono realmente queste agenzie che operano nel campo del digitale? Il vero scopo ce lo rivela la fondatrice Paola Guaragna, che afferma come “in virtù della crescente concorrenza in tutti i settori, l’approccio mediato al mercato non è più sufficiente per arrivare dritto al cuore del consumatore. Con il tempo, le imprese si sono sempre più rese conto che si deve in qualche modo ricostruire la relazione finale con il consumatore. 

La sfida 4.0 rappresenta, pertanto, un autentico gioco di sopravvivenza da parte di tutte quelle aziende che vogliono riuscire a mantenersi sulla cresta dell’onda, massimizzando le opportunità offerte dalla tecnologia.”

Questa giovane agenzia, pertanto, nasce con l’obiettivo di supportare le piccole e medie imprese nel processo di digitalizzazione: a tal fine, accompagna le aziende in tale difficile percorso, offrendo loro servizi di creazione di siti web, e-Commerce, strategie di social media marketing e molti altri servizi trasversali, supportandone costantemente la crescita e monitorandone i risultati ottenuti. 

Un servizio di cui, giova sottolineare, in gran parte usufruiscono le aziende calabresi locali, specialmente nel campo dell’agricoltura e del turismo. Specie queste ultime, infatti, hanno appreso che la sfida con il digitale non può più essere rinviata e che è necessario allinearsi alle grandi aziende che già da tempo sfruttano questo vantaggio.

Ci piace sottolineare che non è scontato che Paola Guaragna e Antonio Basile abbiano deciso di investire nella loro terra di origine, anziché altrove. Del resto, potevamo aspettarci il contrario, dato che il mondo del digital marketing non conosce confini e che può essere realizzato dovunque, specie, magari, tra le imprese con maggior volume d’affari nel Nord-Italia. E, invece, hanno deciso di rimanere qui e di credere nel “made in Calabria”.

Sono proprio queste le storie che vorremmo leggere ogni giorno, storie coraggiose di chi decide di investire e di credere nel proprio futuro da cittadino calabrese, lavorando con costanza per far risaltare la nostra regione.