Mer 4 Ago 2021
Advertising
Home Cronaca Arresto Papaianni, il latitante trovato in...

Arresto Papaianni, il latitante trovato in un B&B di Catanzaro

Nella mattinata odierna, a Catanzaro, in località Janò, personale della Polizia di Stato, ha
tratto in arresto Agostino Papaianni, 69 anni, ricercato dal mese di dicembre 2019 in quanto destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare emessa nell’ambito dell’operazione
Rinascita-Scott condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Catanzaro,
diretta dal Procuratore Nicola Gratteri, con la quale sono state disarticolate le cosche operanti nella provincia di Vibo Valentia.

Papaianni originario di Coccorino di Joppolo, uomo di fiducia di Luigi Mancuso e già
coinvolto nel p.p. c.d. “Black Money”, è accusato del reato di associazione mafiosa con
l’aggravante di essere il promotore della ‘ndrina che controlla l’area di Capo Vaticano,
Coccorino, Joppolo sino a Tropea, dove imponeva ai diversi villaggi turistici della zona
rifornimenti di generi alimentari, guardianie e assunzione di personale.

All’individuazione e cattura di Papaianni personale della Squadra Mobile di Catanzaro è
addivenuto sviluppando alcune acquisizioni investigative dalle quali era emersa la presenza di un soggetto ricercato all’interno di un appartamento annesso ad una B&B sito nel quartiere Janò di Catanzaro, ove giornalmente giungevano persone che consegnavano buste della spesa.

 

Al momento dell’arresto Papaianni, che si avvaleva di false generalità, era da solo e non ha
opposto resistenza ammettendo poi la sua reale identità.