Lun 26 Lug 2021
Advertising
Home Costume & Società Il miglior "rosato" del Mediterraneo? Un...

Il miglior “rosato” del Mediterraneo? Un vino calabrese

Si è svolto nel giorno più lungo dell’anno, lunedì 21 giugno a Tropea, perla della Calabria, la prima selezione del concorso “Miglior rosato del Mediterraneo”.

20 campioni preselezionati dalla commissione tecnica dell’I.S.F. International Sommelier Foundation, da tutte le regioni che si affacciano sul Mar Tirreno, per questa prima batteria al vaglio della giuria presieduta dall’enologo assaggiatore Francesco Soleti, coadiuvato dai sommelier Giovanni Orlando e Guglielmo Gigliotti, “battezzata” in apertura dei lavori dal sindaco di Tropea Giovanni Macrì.

E’ stata la cantina lametina Statti ad avere la meglio piazzando sul gradino più alto del podio il loro rosato “Greco nero – Calabria Igp”. Giudizio unanime della giuria che non ha avuto alcun dubbio nemmeno sulle altre menzioni. Premio “Maglia rosa” alla cantina campana Porto di Mola, di Rocca d’Evandro provincia di Caserta, per aver ottenuto un equilibrio di enorme eleganza dalla vista al gusto con il loro “Campo dei fiori – Roccamonfina Igp”.

Al secondo posto nella classifica generale e miglior rosato Dop in assoluto ancora un calabrese, si tratta del “Vasciu – Terre di Cosenza sottozona Donnici Dop” della cantina Cerza Serra di Cosenza. Sempre nella sottozona cosentina Dop del Donnici il terzo classificato, “Arsura – Terre di Cosenza Dop” delle cantine Spadafora di Mangone.

Tre le menzioni delle giura, un riconoscimento tecnico alla Cantina Benvenuto di Francavilla Angitola provincia di Vibo Valentia per il loro rosato da uve calabrese “Celeste – Calabria Igp”. Il premio della critica, infine, è andato sempre ad una cantina del vibonese, Origine & Identità di Mario Romano con il suo macerato orange da uve zibibbo “Centodì – Calabria Igp”.

Alla cerimonia di premiazione, svoltasi in diretta radiofonica su Radio Sound all’interno del programma Venti di..vini condotto da Tommaso Caporale, organizzatore del concorso, e Giulio Pignataro, ha preso parte anche il noto maestro della pizza napoletana, Luciano Sorbillo. Per l’occasione la distilleria Caffo, produttrice del Vecchio Amaro del Capo, ha creato un cocktail dedicato al concorso, a base di vino rosato.

Le prossime tappe del concorso “Miglior rosato del Mediterraneo” si terranno il 25 giugno a Badolato sulla costa jonica catanzarese presso il ristorante “Le Terrazze” per la selezione Jonio e il 2 luglio a Cisternino in provincia di Brindisi per la selezione Adriatico.