Sab 24 Lug 2021
Advertising
Home Cronaca Scoperta una piantagione di marijuana nel...

Scoperta una piantagione di marijuana nel Reggino: avrebbe fruttato migliaia di euro

Con l’avvento della stagione estiva si intensifica l’azione di contrasto alla produzione e compravendita di sostanze stupefacenti nella Piana di Gioia Tauro da parte dei Carabinieri reggini.

Nell’ultimo periodo, all’esito di mirati servizi, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno tratto in arresto in flagranza un ventiquattrenne cittanovese per possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, denunciato un 41enne di Anoia per coltivazione di marijuana e sequestrato una piantagione di 125 piante, messe a dimora nell’area montana di Anoia.

In particolare i Carabinieri della Stazione di Cittanova, con il supporto dei militari della Sezione Radiomobile, hanno perquisito l’autovettura in uso ad un 24enne cittanovese incensurato, ritrovando, nascosta sotto il sedile passeggero, una busta in cellophane contenente circa 53gr di marijuana, mentre ulteriori 2 grammi erano occultati all’interno di una delle scarpe. Le operazioni di perquisizione sono state estese presso l’abitazione dell’uomo, rivenendo anche un trita-marijuana e un bilancino di precisione. La sostanza è stata sottoposta a sequestro per le successive analisi tossicologiche del RIS di Messina.

Il giovane cittanovese è stato quindi tratto in arresto in flagranza di reato per possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e, all’esito del giudizio di convalida, il Tribunale di Palmi ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di dimora a Cittanova e dell’obbligo di presentazione alla P.G., oltre che disporre la sospensione del reddito di cittadinanza di cui era beneficiario.

I carabinieri della Stazione di Cinquefrondi hanno svolto delle perquisizioni nel territorio di Anoia, denunciando un  41enne del posto, già gravato da precedenti di polizia, per il possesso di 5 piante di canapa indiana, alte circa 1,7 m, coltivate nel giardino di pertinenza dell’abitazione. Le conseguenti attività di perlustrazione del territorio montano di Anoia hanno inoltre consentito ai Carabinieri della Compagnia di Taurianova di individuare e sequestrare una piantagione di canapa indiana composta da 125 piante alte circa 1,7 metri, ben irrigata e pronta per essere raccolta, che avrebbe fruttato, nella vendita al dettaglio del mercato illegale, diverse migliaia di euro.