Gio 16 Set 2021

sibarinet

Home Costume & Società Cultura Unical, Danilo Chirico discute la storia...

Unical, Danilo Chirico discute la storia dell’antindrangheta

Sarà presentato martedì 27 luglio alle 19 il testo Storia dell’antindrangheta, ultima fatica editoriale del giornalista e scrittore calabrese Danilo Chirico, nel corso di un webinar organizzato dal progetto Pedagogia dell’Antimafia del Dipartimento Culture, Educazione e Società dell’Università della Calabria e dalla rete nazionale delle scuole di Barbiana 2040. Il seminario online vedrà la partecipazione dell’Autore e gli interventi introduttivi di Giancarlo Costabile, ricercatore di Storia dell’educazione presso il Dices Unical, e Gianfranco Bonofiglio, giornalista e scrittore.

La manifestazione si potrà seguire in diretta ai seguenti link: facebook.com/calabrianews24tv e youtube.com/c/calabrianews24.

«Storia dell’antindrangheta di Danilo Chirico – scrive Giancarlo Costabile – è un volume particolarmente importante perché ha il merito di ricostruire con rigore scientifico, e per la prima volta sul piano storiografico, il vissuto dell’antimafia sociale calabrese. Il lavoro di Chirico apre finalmente lo spazio per leggere criticamente, al di là di retoriche e stereotipi, la resistenza calabrese alle mafie, individuandone punti di forza e debolezza da cui muovere per ripensare (anche radicalmente) l’approccio con il territorio. Un libro – conclude Costabile – che può contribuire a stimolare un serio dibattito sul passato dell’antimafia calabrese e soprattutto sulla necessità di rivederne strumenti e metodi di impegno e azione sociale».

Storia dell’antindrangheta ricostruisce per la prima volta i movimenti per l’occupazione delle terre, le lotte politiche e per il lavoro, le vertenze ambientaliste, le denunce della Chiesa, i conflitti sociali, i cortei studenteschi, le vicende personali e collettive di tutti coloro che in Calabria hanno combattuto una dura e rischiosa battaglia contro la criminalità organizzata dal secondo Dopoguerra ad oggi. Ripercorre anche i fatti della storica manifestazione “Reggio-Archi” del 6 ottobre 1991 quando – unica volta in 60 anni – la Marcia per la Pace lascia il tradizionale percorso Perugia-Assisi e si trasferisce in Calabria. Quel giorno decine di migliaia di persone provenienti da ogni parte dello Stivale sfilano contro la ’ndrangheta: un evento che segna la nascita dell’antimafia sociale in Italia. Il quadro che emerge riscatta il popolo calabrese, spesso ingiustamente bistrattato: l’importante, e sin qui negata, Storia dell’antindrangheta custodisce infatti idee e strumenti utili alla necessaria rigenerazione del movimento antimafia del nostro Paese.