Dom 19 Set 2021

sibarinet

Home Economia Economia e Lavoro Cosenza, green pass e obbligo vaccinale:...

Cosenza, green pass e obbligo vaccinale: dialogo tra Confindustria e sindacati

 «Nessuno può permettersi il lusso di nuove fermate a causa di un aumento dell’andamento dei contagi. Una paventata ondata pandemica in autunno, con le conseguenti misure di contenimento, finirebbe in maniera inevitabile con il soffocare sul nascere la ripresa in atto che vede l’Italia tra i Paesi con le migliori performance, al punto da poter prevedere stime di crescita al rialzo». 

È quanto hanno sostenuto nel corso di una conferenza stampa indetta in maniera congiunta il presidente di Confindustria Cosenza Fortunato Amarelli ed i segretari provinciali di CGIL Cosenza Umberto Calabrone, CGIL Sibari Pollino Giuseppe Guido, CISL Cosenza Giuseppe Lavia e UIL Cosenza Roberto Castagna.

 «Per un territorio come il nostro, strutturalmente in ritardo di sviluppo ed ulteriormente martoriato dagli effetti del Covid, tanto per quanto attiene agli aspetti sociali che economici, è indispensabile agganciare con efficacia la ripartenza dell’economia provando a mettere in atto iniziative virtuose capaci di innescare effetti moltiplicatori solidi e dal respiro lungo restituendo fiducia ai cittadini, alle imprese ed ai nostri giovani disorientati verso le prospettive di un futuro che appare incerto e di difficile lettura. Se questo deve costituire un impegno collettivo e condiviso per ognuno, diventa un dovere etico per quanti rivestono ruoli di rappresentanza ed ancora di più per chi è chiamato ad amministrare e governare la cosa pubblica».

«È in questo contesto – hanno continuato i segretari provinciali di CGIL, CISL e UIL ed il presidente di Confindustria Cosenza – che è maturata questa nostra iniziativa che, in via preliminare, intende rivolgere un appello alle lavoratrici, ai lavoratori, agli imprenditori ed ai cittadini perché si possa completare al più presto la campagna vaccinale che resta, al momento, l’arma più efficace per contrastare l’epidemia e consentire un graduale quanto rapido ritorno alla normalità. Nel ruolo di organizzazioni di rappresentanza dei datori di lavoro e degli interessi dei lavoratori, intendiamo alzare l’ideale asticella di quella doverosa assunzione di responsabilità che l’attuale e difficile situazione complessiva impone a tutti i livelli». 

In Calabria è solo il 60% circa della popolazione ad avere completato il ciclo vaccinale. Ad oggi, purtroppo, il 18% degli over 50 è senza alcuna dose di vaccino, contro un dato medio nazionale che è pari al 13%.

«Una nuova forte accelerazione della ripresa dei contagi – hanno dichiarato Amarelli, Calabrone, Guido, Lavia e Castagna – è da scongiurare con forza e determinazione perché rappresenterebbe il principale ostacolo al percorso di rilancio auspicato, sia in termini economici che relazionali e sociali. Occorre, dunque, compiere ogni sforzo per evitare il rischio di nuove restrizioni che possano fermare la ripresa e la crescita di un territorio che ha voglia e necessità di ripartire per recuperare un deficit di sviluppo acuitosi negli anni». 

«Dalla nostra parte – continuano i protagonisti della conferenza stampa – profonderemo ogni sforzo per contribuire a raggiungere questi obiettivi di sviluppo anche attraverso la formulazione di una serie di proposte e misure concrete da sottoporre alle principali amministrazioni pubbliche ed agli enti preposti del territorio della provincia di Cosenza». 

«Per garantire omogeneità e più immediata fattibilità, le stesse saranno riconducibili alle 6 aree di intervento del PNRR (Transizione verde, Trasformazione digitale, Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, Coesione sociale e territoriale, Salute e resilienza economica, sociale e istituzionale, Politiche per le nuove generazioni, l’infanzia e i giovani) che, in uno con i fondi POR e le ulteriori risorse ordinarie, rappresentano una grande occasione per colmare i deficit territoriali. Il focus riguarderà gli ambiti della digitalizzazione, dell’innovazione, della competitività, della cultura e del turismo; quello afferente la rivoluzione verde e la transizione ecologica, la materia delle infrastrutture per una mobilità sostenibile; l’inclusione sociale; la sanità». 

«La sfida riguarda tutti: forze politiche, sociali e culturali. I deficit strutturali della provincia di Cosenza si curano con la creazione di occasioni di lavoro, con il sostegno al tessuto  produttivo, con un recupero di visione ed efficacia delle politiche da mettere in atto e di efficienza della macchina amministrativa e burocratica. Ci aspettano mesi decisivi perché sono in gioco la salute e la qualità della vita di ciascuno come precondizione per un utilizzo pieno delle risorse che saranno rese disponibili dai citati piani europei determinanti a dare qualità, durata e spinta alla ripresa auspicata e mai come questa volta veramente a portata di mano».