Ven 3 Dic 2021
spot_img
HomePolitica“Più forza alla rappresentanza femminile”, lo...

“Più forza alla rappresentanza femminile”, lo chiede il Collettivo La Mongolfiera

Ambiente, analisi del voto e rappresentanza femminile, astensionismo e scarsa partecipazione dei cittadini. Questi i temi affrontati durante la riunione del Collettivo La Mongolfiera e del gruppo redazionale di Mediterranean Review che si è svolta nei giorni scorsi nella sede dell’associazione MEDiterranean MEDIA, a Cosenza.

Dal confronto è emersa la necessità di promuovere, con maggiore forza, la parità di genere nella rappresentanza politica e dare vita all’idea di pianificare una nuova convenzione delle donne mediterranee. 

A farsi portavoce delle istanze del gruppo sarà in consiglio regionale, Ferdinando Laghi, medico in pensione e attivista politico da oltre 15 anni, neo eletto nell’organo legislativo rappresentativo della Regione. Laghi ha manifestato la volontà di portare in consiglio i temi dell’ambiente, della salute e del Progetto Donna, quest’ultimo punto di riferimento per le politiche di genere.

La riunione è stata introdotta da Nadia Gambilongo, presidente di MEDiterranean MEDIA e Giovanni Spedicati, editore della rivista “La Mongolfiera” e dell’omonima casa editrice. All’incontro erano presenti Giuseppe Magarò che si è soffermato sull’analisi del voto, Raffaella Cavaliere e Giacomo Guglielmelli che hanno fornito un contributo in merito al tema del multiculturalismo e del dialogo interreligioso e Aurelio Morrone che ha evidenziato problematiche antiche in merito alla rappresentanza femminile, poiché le donne non votano le donne.

Il dibattito è stato molto ricco e interessante ed hanno fornito il loro contributo anche Carmine Quintiero, Fiore Cava, Flavio Longo, Umberto Romano e Maurizio Guarino.