Ven 28 Gen 2022
spot_img
HomeAttualitàScuola, le Regioni: «rinviare il ritorno»,...

Scuola, le Regioni: «rinviare il ritorno», ma il Governo non è d’accordo

Braccio di ferro tra Governo e Regioni sulla riapertura delle scuole dopo le feste natalizie. Il primo però pare non voglia cedere alle proposte delle seconde che chiede di far slittare la data per il ritorno degli studenti sui banchi, a causa dell’impennata dei contagi e la corsa della variante Omicron. Il Ministero dell’istruzione mantiene la propria posizione sul ritorno in classe il 10 gennaio, come da calendario.

Oggi il governatore campano, Vincenzo De Luca, aveva chiesto un posticipo di 20-30 giorni dei rientri in aula. Ma dal governo non dovrebbero arrivare sorprese: il calendario scolastico resterà invariato.

Che il ritorno tra i banchi comporti rischi ne è convinto anche Nino Cartabellotta, presidente di Gimbe: la scuola rappresenta un bacino di contagi. È chiaro che non avendo lavorato sugli aspetti strutturali, possiamo modificare quanto vogliamo le modalità di screening e quarantena, ma con questa circolazione virale così alta bisogna fare delle valutazioni. Se decidiamo di tenere aperte le scuole bisognerà chiudere qualcos’altro perché non abbiamo tanti margini per far circolare il virus”, ha concluso.

Domani, 4 gennaio, ci sarà anche un incontro con i sindacati in cui verranno discusse le altre misure al vaglio per il rientro in aula in sicurezza.