Sab 21 Mag 2022
spot_img
HomeAttualitàPrigionieri dell'Omicron, ridotte le uscite per...

Prigionieri dell’Omicron, ridotte le uscite per paura del contagio

Prigionieri di Omicron. Nonostante il bel tempo ed il giorno festivo, ieri domenica la pandemia fiacca le città calabresi fino a mutarne il paesaggio.

La rapida diffusione del virus attraverso la variante Omicron, con il numero di positivi crescente, sta provocando disservizi, un preoccupante rallentamento delle attività economiche e un processo di “desertificazione” che ricorda il “lockdown” del marzo 2020, quando il Covid, nella sua fase più acuta, mise in ginocchio l’intera Italia.

Anche la paura di contagiarsi induce i cittadini a limitare le uscite. Nelle grandi città (in foto copertina Cosenza) il fenomeno appare più evidente. Poche persone in strada, mezzi pubblici semivuoti, deserti i centri commerciali, i bar, i ristoranti ed i negozi.

Anche i saldi di fine stagione non riscuotono grande successo. Il picco dei contagi dovrebbe essere raggiunto alla fine di gennaio, dicono gli esperti, e la speranza è che allo stallo di adesso, che sembra spingere le attività commerciali sull’orlo del precipizio, segua una ripresa decisa, prima che sia troppo tardi.