Sab 25 Giu 2022
spot_img
HomeCronacaAttenzione alla truffa della finta convocazione...

Attenzione alla truffa della finta convocazione giudiziaria

Ogni giorno nuove truffe ai danni di ignari cittadini. L’ultima, in ordine di tempo, consiste in una vera e propria estorsione di denaro tramite l’inganno.

A lanciare l’allarme è stata in primis la Polizia, con un comunicato diffuso sul sito ufficiale.

Analogamente ad altri scam – qui vi abbiamo parlato della truffa denominata “spoofing” – l’utente viene tratto in inganno e convinto a cliccare su dei link che in realtà sono virus, che permettono a chi li invia di avere accesso al computer delle vittime.

truffatori fingono di essere le forze dell’ordine, convincendo gli utenti meno esperti – soprattutto persone anziane – a fornire “spontaneamente” i propri dati.

Il meccanismo utilizzato per questa frode è particolarmente meschino, fa infatti leva su un’accusa a dir poco grave e infamante, quella di pedopornografia.

Alle potenziali vittime viene infatti inviato un finto atto giudiziario, contenente le accuse in questione, la minaccia di imminenti ripercussioni legali e la richiesta di dati.

Nel comunicato per mettere in guardia i cittadini, La Polizia ha ribadito che questo genere di comunicazioni online è sempre da catalogare come tentativo di frode:

“Nessun ente istituzionale contatterebbe mai direttamente i cittadini, attraverso email o messaggi, per richiedere loro pagamenti in denaro o comunicazioni di dati personali, dietro minaccia di procedimenti o sanzioni penali”, recita infatti il comunicato.

Come sempre, è fondamentale ricordare di non rispondere mai a mail che chiedono di fornire dati sensibili e non cliccare su alcun link, anche quando la fonte “sembra” attendibile: quasi sicuramente si tratta di una comunicazione fasulla.

Il consiglio,  di fronte anche solo al minimo dubbio sulla legittimità di una comunicazione online, è di rivolgersi sempre e comunque alla Polizia postale, che potrà facilmente fornire delucidazioni.