Gio 30 Giu 2022
spot_img
HomeAttualitàA Roma un murale col volto...

A Roma un murale col volto di Luana D’Orazio, la giovane calabrese morta sul lavoro

Il volto di Luana D’Orazio, morta sul lavoro a soli 22 anni, raffigurato in un murales realizzato all’esterno del Csoa ExSnia Viscosa, nel quartiere Pigneto a Roma.

La giovane operaia di Strongoli, in provincia di Crotone, morta stritolata da un macchinario in un’azienda di Montemurlo (Prato) è stata ricordata con un’opera realizzata dall’artista napoletano Jorit.

Jorit, street artist sempre impegnato al fianco di certe lotte civili in occasione di questo murale si è trovato al centro di due episodi spiacevoli. Il primo, quando è stato aggredito da un uomo accompagnato da un cane di grossa levatura, che, da quanto ha riferito l’artista con un duro sfogo su Facebook, l’avrebbe aggredito per rubargli una catenina.

Sempre secondo l’artista, si tratterebbe di un tossicodipendente che lui avrebbe definito “feccia”. Proprio da questo suo amaro sfogo – è stato ferito anche se ha deciso di non sporgere denuncia – sono nati una serie di attacchi social allo stesso artista, con tanto di scritta su un muro che lo definisce “imbianchino del Comune”.