Sab 2 Lug 2022
spot_img
HomeEconomiaEconomia e LavoroSuperbonus nel caos, finiti i soldi:...

Superbonus nel caos, finiti i soldi: si rischia di doverli restituire

L’allarme viene lanciato anche dal quotidiano economico QuiFinanza.

La vicenda del Superbonus 110% incontra l’ennesimo ostacolo sulla sua strada. Dopo l’allarme sui fondi terminati (ecco chi rischia di doverli restituire), ora sale il rischio per i nuovi cantieri e anche per quelli già aperti.

In attesa di una soluzione legislativa, la priorità del Governo è consentire il completamento dei lavori già iniziati per due motivi principali: evitare il fallimento delle imprese coinvolte (33mila secondo i calcoli degli artigiani del Cna), con la conseguente perdita di posti di lavoro, e scongiurare spiacevoli situazioni per i contribuenti nel bel mezzo di una ristrutturazione (occhio ai controlli fiscali sul 730: come prepararsi).

La situazione difficile di chi ha scelto il Superbonus

Nato per incentivare i cittadini a rendere le proprie case più ecologiche e sicure, il Superbonus si è rivelata una soluzione difficile da gestire e interpretare. La prima causa del caos è lo sforamento di oltre 400 milioni di euro del plafond originario, stabilito in 33,3 miliardi. Oltre ai rischi per le aziende, legati all’impossibilità di cedere crediti d’imposta per circa 2,6 miliardi di euro, anche i contribuenti potrebbero trovarsi nei guai per eventuali esborsi salati da saldare per opere lasciate a metà.