Mar 27 Set 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàCulturaL'evento a Roma dei Bronzi di...

L’evento a Roma dei Bronzi di Riace, Occhiuto: “Patrimonio della Calabria e dell’Italia”

“Oggi festeggiamo i cinquant’anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace e l’auspicio è che questi festeggiamenti rappresentino un cambio di passo nella valorizzazione di questo straordinario attrattore culturale, non soltanto per la Calabria ma per tutto il Paese. Per questo sono particolarmente felice della presenza del ministro Franceschini e di tutte le istituzioni coinvolte”.

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, intervenendo, a Roma, alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative in programma per la celebrazione del cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace.

“La cultura sia attrattore di sviluppo”

“Oggi – ha aggiunto – la Calabria si presenta mostrando al Paese anche quello che a volte il Paese non conosce. Non è il caso dei Bronzi, perché sono conosciuti in tutto il mondo, ma questi due guerrieri dovrebbero essere il veicolo per far conoscere al resto del Paese tutte le altre opportunità, dal punto di vista culturale, che la Calabria offre. Appena insediatomi ho tenuto a modificare la struttura della Regione, cambiando Dipartimento della Cultura in Dipartimento degli Attrattori culturali, perché la cultura non deve essere solo sedimentazione della storia, ma deve saper essere anche un attrattore di sviluppo. E la Calabria ha straordinari attrattori culturali di sviluppo”.

Una terra “ricca di opportunità”

I Bronzi, ha proseguito, “ne sono un esempio eccellente. La nostra regione è spesso conosciuta soltanto per i suoi straordinari paesaggi, per la montagna, per il mare, per i borghi; il resto del Paese non sa, invece, quante ricchezze siano custodite in Calabria, che è la terra della Magna Graecia, la terra che custodisce la memoria di un uomo conosciuto da tutti, anche dai bambini, se non altro perché ha legato il suo nome a un famoso teorema: Pitagora. Una terra ricca di opportunità che in questi 50 anni la stessa Calabria ha saputo forse poco valorizzare, e di cui anche il Paese si è accorto troppo poco”.

“Per questo – ha detto il governatore – sono felice che si riesca oggi, con l’autorevole presenza del ministro della Cultura, a presentare al Paese la ricchezza della Calabria. Da qui ripartiamo, con un cambio di passo, sommando alla nostra volontà e alla nostra determinazione la forza dirompente di due straordinari guerrieri come i Bronzi di Riace”.

Franceschini: “Bronzi diventino attrattori internazionali per il Paese”

A intervenire anche il ministro della Cultura, Dario Franceschini: “I Bronzi di Riace – ha detto – devono diventare uno dei grandi attrattori internazionali dell’Italia intera. La loro storia è ancora tutta da raccontare, un tesoro che sarà oggetto di studi dedicati e di appuntamenti di livello scientifico internazionali”. Il ministro ha voluto ricordare che in Calabria “conta molti amici”, sottolineando di “conoscerne bene il territorio”. E’ “fondamentale” ha poi aggiunto “per la Calabria lo sviluppo delle grandi infrastrutture. Ne sono un esempio la crescita di presenze a Napoli e Salerno, dopo la realizzazione dell’Alta Velocità ferroviaria”.