Gio 29 Set 2022
spot_img
HomeTurismoIn Calabria: i tesori dell'Abbazia, la...

In Calabria: i tesori dell’Abbazia, la mega panchina dei due mari e le bellezze della natura

Nuove e suggestive immagini per la rubrica di CdN “In moto … alla scoperta della Calabria” dal gruppo di bikeristi, capeggiato da Saverio Fasanaro. 

I centauri, in sella alle loro due ruote, giungono in montagna nel cuore della stupenda Sila Piccola, in provincia di Catanzaro.

La loro prima tappa è in una località collinare ricadente nel territorio comunale di San Pietro Apostolo. Lì si fermano e, da seduti su una mega panchina, ammirano un panorama fantastico: da una parte il Tirreno dall’altra lo Ionio. In questa area che domina due vallate è stata installata una panchina gigante, la più grande di tutta la Calabria, da dove è possibile ammirare con un semplice colpo d’occhio entrambi i mari che bagnano la regione.

Il gruppo di motociclisti arriva poi presso la frazione Castagna per ammirare ciò che rimane dell’abbazia di Santa Maria di Corazzo, i cui ruderi ancora possenti presenti e visibili sul verde smeraldo dell’alta valle del fiume Corace testimoniano un passato di prestigio e di cultura, oltre che di religiosità, fu fondata dai monaci Benedettini nel corso dell’XI secolo.

Le  mura  poderose   e gli   archi   che   slanciati  si   stagliano tra il  verde degli  alberi circostanti, sembrano voler raccontare la storia di quel luogo che in passato fu un crocevia culturale e religioso, fino al disastroso terremoto del 1783 che lo ridusse in macerie. L’abbazia è legata al nome di uno dei più grandi mistici medievali, Gioacchino da Fiore, che qui fu abate dal 1177 fino al 1187.

E’ questo un luogo di eccezionale fascino paesaggistico e di esclusivo pregio spirituale dove è vietato calpestare i sogni.