Ven 2 Dic 2022
spot_img
HomePianeta UnicalAppuntamento all’Unical per la Notte dei...

Appuntamento all’Unical per la Notte dei ricercatori: laboratori, esperienze e spettacoli

Con l’edizione 2022 della Notte dei ricercatori, gli atenei ritornano, finalmente dopo due anni, ad aprire le loro porte per mostrare la meraviglia e l’utilità della scienza al grande pubblico.

E SuperScienceMe, la Notte calabro-lucana, presentata venerdì 23 settembre, è pronta per offrire alla società un viaggio nel fantastico mondo della scienza.

Esperimenti, tour scientifici, dimostrazioni, eventi ludico-didattici e intrattenimenti tematici coinvolgeranno, venerdì 30 settembre, da mattina a sera, presso i quattro atenei del progetto – i tre calabresi e quello della Basilicata -, i visitatori di cui si stanno registrando le prenotazioni.

“Manca ancora una settimana all’evento ma sono già oltre 3mila le prenotazioni da parte delle scuole” – ha dichiarato il rettore Nicola Leone dell’Unical, entusiasta per il ritorno della manifestazione in presenza. Leone si è detto altresì orgoglioso di constatare come anche quest’anno la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori, di cui Unical è capofila, sia fra i pochi, otto precisamente, progetti italiani finanziati dalla Commissione europea.

“Questo riconoscimento conferma le nostre grandi capacità, non solo scientifiche, ma anche comunicative e di trasferimento delle conoscenze” – ha commentato il rettore Ignazio Marcello Mancini di UniBas, evidenziando la proficua sinergia che si è creata fra i partner del progetto SuperScienceMe.

“Abbiamo approntato un programma di interessanti attività collegate anche ad altre iniziative come il festival scientifico Cosmos della Città di Reggio che incrocia il cinquantenario del ritrovamento dei Bronzi di Riace” – ha raccontato, durante la conferenza, il rettore dell’Università Mediterranea, Giuseppe Zimbalatti.

“Abbiamo la necessità di attirare nuove e giovani risorse nel mondo della ricerca” – ha asserito la dirigente di ricerca del CNR Lidietta Giorno, sottolineando uno degli obiettivi principali della Notte che è proprio quello di avvicinare i giovani studenti alla carriera accademica.

E proprio per questo, l’edizione 2022 della Notte dal titolo “SuperScienceMe: ReSearch is your Re-Source” dedica ampio spazio alla sensibilizzazione delle giovani generazioni nei confronti della scienza e, in particolar modo delle STEAM (discipline scientifiche) con un’attività specifica che i ricercatori dei quattro atenei e del Cnr espleteranno nelle scuole dei territori di Calabria e Basilicata.

Infatti, come ha asserito la vicepresidente della Regione Calabria, Giuseppina Princi, nell’anno europeo dei giovani la Notte rende i ragazzi protagonisti di un percorso di conoscenza che vede, da una parte il personale docente accompagnato nell’azione di trasferimento del sapere e, dall’altra, gli studenti messi nelle condizioni di scoprire la bellezza di studiare e fare ricerca.

Il cuore dell’iniziativa quest’anno è rappresentato proprio dalle attività dirette alle scuole. Con Researchers at Schools, infatti, i ricercatori delle quattro università e del Cnr, incontreranno gli studenti delle scuole delle due regioni per illustrare le cinque EU Missions su cui la manifestazione è incentrata.

L’obiettivo è coinvolgere gli studenti con le discipline e la ricerca STEAM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Arti e Matematica) grazie ai ricercatori che opereranno in maniera sinergica con gli insegnanti in contesti di apprendimento informali.

Il 30 settembre la Notte offrirà, da mattina a sera, il tour scientifico MISSIONE RICERCA prenotabile sul sito dedicato (https://www.ssme.it/tematiche/missione-ricerca/) scegliendo fra le attività del ricco catalogo di esperimenti e dimostrazioni e articolato in cinque aree tematiche, ispirate alle cinque missioni europee: Salute e qualità della vita; Oceani e Mari puliti; S.O.S Clima; Città Green e Smart; Suolo e cibo sani.

Ogni area tematica accoglierà gruppi di visitatori che assisteranno e parteciperanno agli esperimenti.

Nei quattro atenei è previsto, come da tradizione, lo spettacolo serale che chiude il programma della Notte.  Durante la conferenza stampa è intervenuto il cantautore Peppe Voltarelli che all’Università della Calabria, nell’Anfiteatro di Piazza Vermicelli, darà vita con la sua band, a partire dalle 21, agli spettacoli “Le ragazze del paese accanto” e “sonificAZIONE nella notte degli acchiappacervelli”.