Ven 2 Dic 2022
spot_img
HomeCronacaEscalation criminale a Catanzaro, Unindustria Calabria:...

Escalation criminale a Catanzaro, Unindustria Calabria: “Gli imprenditori denuncino”

“Desta grande preoccupazione l’escalation di atti criminali che si sta registrando in questi giorni, episodi che offendono i valori di legalità e di democrazia e che ci fanno riflettere, con grande apprensione, su questa terribile piaga che affligge la Calabria”.

E’ quanto afferma in una nota il presidente di Confindustria Calabria Aldo Ferrara.

“È doveroso – aggiunge – che in questo terribile momento istituzioni, forze politiche, senza alcuna distinzione di schieramenti, mondo imprenditoriale e sindacati facciano quadrato per affrontare con urgenza questa problematica. Questi episodi non sono più tollerabili, né, in alcun modo, da sottovalutare, soprattutto in una fase di particolare difficoltà economico-sociale, come quella che stiamo vivendo e auspico che le Forze dell’Ordine e la Magistratura possano, in breve tempo fare luce su questi accadimenti che colpiscono chi quotidianamente, è impegnato a portare avanti un percorso di crescita civile ed economica”.

Ferrara si rivolge poi al ministro Nordio e al sottosegretario all’Interno Wanda Ferro che domani saranno a Catanzaro per l’inaugurazione del nuovo immobile della Procura: “Sono certo – afferma che alta sarà la loro attenzione affinché si possano contrastare questi fenomeni, ormai sempre più frequenti, garantendo un controllo più efficace dell’intero territorio con presidi di sicurezza, mezzi e uomini.

È fondamentale, però, che gli imprenditori collaborino denunciando subito ogni grave e vile atto intimidatorio in quanto soltanto la cultura della legalità rappresenta una condizione fondamentale per ogni convivenza civile e ogni processo di sviluppo. Confindustria – conclude il presidente di Unindustria Calabria – è da sempre schierata in prima linea nel sostenere battaglie per la legalità e la cultura della sicurezza con determinazione e fermezza respingendo qualunque forma di compromesso”.