Lun 29 Mag 2023
spot_img
HomePianeta UnicalL’Unical modifica lo statuto, nell’elezione del...

L’Unical modifica lo statuto, nell’elezione del rettore il voto degli studenti avrà più peso

Peserà di più il voto degli studenti nell’elezione del rettore dell’Unical. Nelle università italiane, oltre ai professori ed ai ricercatori, anche i componenti del personale tecnico-amministrativo (Pta) ed i rappresentanti degli studenti partecipano all’elezione del Rettore; ma il voto di Pta e studenti viene “pesato” con valori stabiliti autonomamente dagli atenei nei loro statuti.

Nel corso degli anni più volte, ai vari rettori che si sono succeduti negli ultimi 15 anni alla guida dell’Università della Calabria, era stata richiesta una maggiore incidenza nelle elezioni da parte di Pta e studenti che finora, per il personale valeva il 10% del voto dei docenti, mentre per gli studenti valeva il 5%.

Nell’elezione del rettore il voto degli studenti avrà più peso

“Oggi – annuncia l’ateneo con un comunicato – il rettore Nicola Leone ha innalzato quel tetto, come preannunciato nel suo programma, modificando lo Statuto e portando al 12% l’incidenza dei voti del personale e al 6% quello dei rappresentanti degli studenti, con approvazione in Senato all’unanimità di docenti e Pta”. Ma non solo.

“Il peso del Pta – si fa rilevare – crescerà anche in sede decisionale, dato che un componente del personale, per la prima volta, avrà posto garantito nel Consiglio di amministrazione dell’Unical, tra i 5 membri interni all’ateneo. Un’attenzione particolare verso il personale, che già il rettore aveva voluto attribuire, pur in assenza di obbligatorietà, nominando, per la prima volta dall’entrata in vigore della legge Gelmini, una dipendente nell’organo di amministrazione, nel febbraio del 2020.

Fermo restando il criterio secondo il quale tutti i consiglieri dovranno possedere una comprovata competenza in campo gestionale o una elevata qualificazione scientifica e culturale, sarà compito del Senato selezionare il componente del personale tecnico-amministrativo, che verrà poi designato dal Rettore”.

Per quanto riguarda gli studenti, inoltre, “è previsto l’ingresso nell’elettorato attivo anche dei componenti delle Commissioni paritetiche e dei rappresentanti dei Dottorandi, mostrando attenzione e conferendo rilievo elettorale anche a chi ricopre questo ruolo di crescente importanza”.

Il rettore Leone: “Importante risultato”

“È un risultato di non poco conto, che assume un importante valore simbolico di attenzione verso queste categorie, un aumento del 20% sul peso attuale sia per il Personale tecnico-amministrativo che per gli studenti, – ha dichiarato il rettore Nicola Leone – ancora più di rilievo se si considera che nel panorama degli atenei italiani la situazione appare estremamente frastagliata, con minimi di voto pesato che, in alcuni casi, toccano il 4% o perfino il 2%, mentre in buona parte degli altri oscilla tra il 10% e il 15%”.

“Questo incremento – ha spiegato Leone – unitamente all’inserimento del Pta in Consiglio di Amministrazione, vuole essere un riconoscimento al lavoro di quella parte di personale strutturato, non docente, che ogni giorno contribuisce in modo determinante al buon funzionamento dell’azione amministrativa e dei servizi, contribuendo al perseguimento della missione dell’Università, coadiuvando la componente docente nel raggiungimento di obiettivi di didattica, ricerca e terza missione”. 

Il ruolo dei ricercatori

Un discorso a parte merita la categoria dei ricercatori Rtda, un ruolo posto ad esaurimento dalla legge, che in alcuni atenei non ha addirittura alcun diritto di voto. L’Unical si propone di garantire loro tale facoltà, attribuendo ai ricercatori Rtda un voto ponderato con peso pari al 10%.

Infine, nelle modifiche allo Statuto, è stato anche stabilito che l’elezione del rettore dell’Unical avverrà, da ora in poi, nel mese di settembre o, in caso di ballottaggio entro la prima metà di ottobre, per ridurre al minimo il tempo di “vacatio” sussistente tra l’elezione del nuovo Rettore e la sua presa di servizio (il 1° novembre), che nell’ultima tornata elettorale fu di ben 4 mesi.

Una decisione che eviterà quella fase di rallentamento dell’azione politico-amministrativa dell’università, in cui il Rettore eletto non ha alcun potere amministrativo; mentre quello formalmente in carica non ha più peso politico, in attesa dell’insediamento del nuovo eletto.