Sab 23 Set 2023
spot_img
HomeCronacaCani in ospedale a Lamezia, Gianturco:...

Cani in ospedale a Lamezia, Gianturco: “Cercavano il loro padrone” (Le foto)

Hanno atteso dietro la porta di ingresso e poi, furbescamente, sono riusciti a farsi strada  all’interno all’interno del nosocomio. Saliti le scale hanno dato un’occhiata in giro e si sono soffermati nel corridoio. Potrebbe sembrare la trama interessante di un film sulla storia di due cani e dell’amore verso il loro padrone, ma si tratta di pura realtà. Un fatto che lascia l’amaro in bocca e testimonia il pressappochismo all’interno degli ospedali calabresi.

“Nella giornata di ieri – scrive in una nota il consigliere comunale di Lamezia Mimmo Gianturco – ci siamo recati presso l’ospedale di Lamezia Terme per verificare la situazione dei due cuccioloni diventati ormai famosi per essere entrati nei reparti della struttura sanitaria.

Abbiamo appurato che non vi è stato alcun intervento dell’Asp Veterinaria e quindi nessun accalappiamento. Insieme a Clara e Francesca, due donne incredibili sempre attente alla tematica animalista, ci siamo assicurati che si sono spostati in piena autonomia fuori dal complesso ospedaliero per recarsi nel luogo in cui sono stanziali da diverso tempo.

Inoltre, abbiamo constatato il motivo della loro presenza in ospedale. La loro persona di riferimento, che abitualmente gli offre da mangiare con il quale hanno un forte legame, ci ha confermato il fatto che nella giornata di domenica si era recato in ospedale e lo avevano seguito ma, uscendo da un accesso differente, non li aveva più incontrati. In pratica i due cani lo stavano semplicemente aspettando e cercando nei reparti. Ora sono di nuovo tutti insieme”.

“Animali incolpevoli e liberi, i responsabili sono Asp e Comune”

“Al contrario di quanto continua ad affermare il sindaco e qualche suo consigliere comunale pseudo animalista, – incalza Gianturco – ribadisco il fatto che l’accalappiamento non è la soluzione per rimediare ad un disagio momentaneo e l’accesso in canile rappresenterebbe soltanto una condanna verso gli incolpevoli animali.

L’amministrazione comunale deve invece immediatamente affrontare il problema con importanti politiche di prevenzione per ridurre il fenomeno del randagismo nel medio lungo termine e, vista la situazione emergenziale in cui versa la nostra città, istituire la figura del cane di quartiere nell’immediato.

Infine, per quanto riguarda l’Asp e lo stato in cui versa l’ospedale di Lamezia Terme, tengo a precisare che, ovviamente e per come tutti sanno, il problema non sono di certo i due cagnolini, bensì l’offerta sanitaria e l’intera gestione del sistema sanitario territoriale che deve essere potenziato per il bene della collettività”.