Gio 29 Lug 2021
Advertising
Home Cronaca Vibo: omicidio Sacko, svolta nelle indagini

Vibo: omicidio Sacko, svolta nelle indagini

Svolta sull’omicidio di Soumayla Sacko, 29enne originario del Mali ucciso la sera del 2 giugno a San Calogero, nel Vibonese. Nel pomeriggio di martedì i carabinieri della Compagnia di Tropea e della Stazione di San Calogero hanno notificato ad un uomo del posto un avviso di garanzia con contestuale notifica di accertamenti tecnici non ripetibili. A emettere il provvedimento è stata la Procura di Vibo, che coordina le indagini sull’assassinio di Sacko, raggiunto da una fucilata alla testa sparata da lunga distanza mentre era assieme a due connazionali nell’area dell’ex “Fornace Tranquilla”, una fabbrica di laterizi posta sotto sequestro da molti anni per l’interramento di rifiuti tossici. I due ragazzi che erano con la vittima, che vivono nella baraccopoli di San Ferdinando, hanno riferito che a sparare sarebbe stato un uomo di carnagione chiara con una maglia scura e pantaloni grigi sceso da una Fiat Panda bianca, della quale avevano fornito anche le lettere iniziali della targa.