Ven 18 Giu 2021
Advertising

Necessaria

Come l’aria
per il respiro
sarebbe il primo pensiero,
ma così scontato non è,
seppur vitale.

È il ritrovarsi non più soli,
anche se soli non si era.
Più simili di quanto potessimo pensare
nell’amare e desiderare
ciò che è etereo e non palpabile,
e l’animo fa elevare.

Come l’alba che segue alla notte
per donare un energico risveglio
a milioni di persone,
pronte per le loro fatiche
o per la loro unica missione.

Come una mano rispetto all’altra,
entrambe a dividere ogni peso,
mutualmente fattiva attività
equilibrandone misura.

Come il mistero per l’essere umano,
senza di lui intelligenza
non potrebbe esercitar.

Come la cultura per chi non sa,
migliore cibo non voglia desiderar.

Come la vista per chi non vede,
miracolo con quegli occhi
tornerebbe ad osservar.

Come il gusto per chi lo ha perso,
in quelle labbra sapore ritroverebbe.

Come il tatto per chi lo ha dimenticato,
su quella pelle paradiso conoscerebbe.

Ogni cosa,
la più importante,
ogni vitale bisogno,
intriso della sua pura essenza,
rivela quanto tu
d’ora in avanti,
senza nasconderlo più,
sia necessaria.
Lorenzo Carella