Cosenza calcio: Occhiuzzi ancora al fianco di Braglia?

roberto occhiuzzi
roberto occhiuzzi
Pubblicità

Di Enrico Newton Battaglia

Il UEFA A è il principale livello di formazione per allenatori riconosciuto dalla FIGC, secondo solo al UEFA Pro.

Per l’allenatore originario di Cetraro, in provincia di Cosenza – conosciuto e amato nel cosentino come calciatore prima (con il numero 7, sotto la guida di Toscano), e allenatore in seconda poi (con De Angelis, Fontana e Braglia) – si aprono le porte del professionismo. Ora, con il patentino ottenuto, potrà allenare in Lega Pro e fare il secondo nelle più alte categorie maschili: Serie B e Serie A. Potrà inoltre allenare  le formazioni femminili fino alla serie A e le primavere; quasi arrivato al traguardo più grande per la formazione di un allenatore,  Roberto Occhiuzzi dovrà affrontare solo l’ultimo passo: seguire e superare il corso Uefa Pro per poter completare il suo percorso di crescita professionale.

Adesso, però, concentrandoci sull’imminente futuro del secondo di mister Braglia, bisogna capire la strada che percorrerà il “Principe” nella prossima stagione, date le circostanze; da parte della società Cosenza Calcio nessun rinnovo è stato proposto, per il momento, e il contratto è ormai agli ultimi termini (scadenza il 30 giugno 2019).

Quindi la domanda da porci è: Roberto Occhiuzzi siederà ancora sulla panchina del San Vito/Gigi Marulla, come secondo di Braglia, nella stagione 2019/2020 o inizierà la sua carriera da allenatore professionista da qualche altra parte?

Pubblicità