Gallo, Forza Italia: “In Calabria i rifiuti del Salento, ma nella Sibaritide è emergenza”

28
Gianluca-Gallo-Consigliere-Regionale

La Calabria aiuta la Puglia a smaltire i rifiuti, ma poi non è capace di tenere pulita casa propria. E mentre in Salento tutto fila liscio, nelle località turistiche della Sibaritide è emergenza.

Il paradosso viene denunciato dal consigliere regionale Gianluca Gallo, in campo per denunciare i disservizi che nelle ultime ore stanno paralizzando il sistema della raccolta in quasi tutti i Comuni dell’area ionica cosentina, ancora affollati di vacanzieri. «Nei giorni scorsi – esordisce il capogruppo della Cdl – le cronache locali pugliesi hanno dato ampio risalto agli accordi stretti da diversi ambiti territoriali di raccolta della provincia di Lecce con gli impianti calabresi, attraverso intese passate al vaglio dei competenti uffici regionali calabresi e dell’Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti. Patti che non scandalizzano, in applicazione del principio di solidarietà, ma che alimentano più di un dubbio sulle capacità di visione e programmazione della giunta Oliverio».

Prosegue Gallo: «Gli spettacoli di questi giorni, con le principali località turistiche della Sibaritide sommerse dai rifiuti, sono qualcosa di indegno. L’inciviltà di molti, che contribuisce ad aggravare la situazione, è solo il corollario dei tanti errori messi in fila dal Governatore, capace di garantire un’estate degna e decorosa al Salento ma non alla terra che lo ha eletto». Dal generale al particolare: «Vi fosse stata la dovuta attenzione da parte della Cittadella», incalza l’esponente della Cdl, «ci saremmo probabilmente risparmiati scene di indicibile bruttezza, con montagne di spazzatura accatastate ovunque e camion in fila davanti ad impianti di trattamento autorizzati a ricevere un determinato quantitativo di differenziata eppure caparbiamente fermi nel proposito di accoglierne di meno. Una scelta da verificare e che, se confermata, si rivelerebbe essere grave ed intollerabile, come il silenzio e l’indifferenza della Regione».

Altra questione meritevole di chiarezza, secondo Gallo, è quella riguardante Cassano. «La città delle terme – ricorda il capogruppo della Cdl, sindaco del comune ionico tra il 2004 ed il 2012 – è da anni sede di una discarica controllata che da sempre, nei periodi di emergenza, apre le proprie porte ad altri centri ed impianti. Questo avviene anche adesso, ma alla generosità dei cassanesi non fa eco altrettanta disponibilità da parte di altri, nel colpevole disinteresse della Regione, che assiste senza intervenire al triste spettacolo, lasciando che la stessa Cassano e con essa Sibari, ancora popolata di migliaia di vacanzieri, periscano tra i rifiuti, mentre la discarica di contrada Silva continua a fare incetta di pattume altrui».

Conclude Gallo: «E’ necessario che la Regione si svegli dal torpore ed assuma su di sé le proprie responsabilità, con l’adozione di tutti i provvedimenti anche urgenti che la realtà dei fatti richiede e rende indifferibili, prima che la vicenda, già simbolo di una grave ferita all’ambiente ed al decoro, diventi anche questione di ordine pubblico».