In Commissione ambiente istituita una riserva naturale regionale

Pubblicità

“Nella seduta odierna della Commissione Ambiente da me presieduta, abbiamo approvato il testo definitivo per l’istituzione della Riserva Naturale Regionale denominata “I Giganti del Cozzo del Pesco e Valle del Colagnati”: ne sono davvero lieto e, anche nella mia qualità di proponente del progetto di legge, ritengo sia un atto dovuto per un’area che ricade nel Comune di Corigliano-Rossano, comprende il Santuario di Sant’Onofrio e si estende per circa 17 ettari nel settore nord-orientale dell’Altopiano della Sila Greca”.

È quanto dichiara il consigliere regionale Domenico Bevacqua, il quale così prosegue: “La potenzialità turistica del sito è enorme e la tutela regionale potrà garantire la tutela della unicità della flora, dei bacini torrentizi, dei luoghi storici e religiosi presenti, nonché della fauna selvatica, con particolare riferimento alle specie acquatiche e terrestri oggetto di pesca illegale e bracconaggio. La legge, che attende ora soltanto l’assenso conclusivo del Consiglio regionale, ha l’obiettivo di promuovere e disciplinare la fruizione dell’area ai fini scientifici, naturalistici, culturali, educativi e ricreativi e prevede un congruo contributo annuale della Regione Calabria all’ente gestore, individuato nel Comune di Corigliano-Rossano. Ringrazio l’Associazione “Terra e Popolo – Cittadinanza e Solidarietà” che si è meritoriamente occupata della raccolta dei dati scientifici, ambientali, storici e culturali idonei a corroborare le finalità della proposta”.

“Nel prosieguo della seduta – conclude Bevacqua – è stata poi approvata la modifica normativa, proposta dal collega Mirabello, che, nelle more di approvazione dei Piani Spiaggia Comunali, consente con chiarezza il rilascio di concessioni demaniali pluriennali di natura stagionale, limitatamente alle strutture a supporto delle attività recettive alberghiere: la norma garantirà uno snellimento delle procedure e consentirà che al titolare della concessione di mantenere l’attività per gli anni successivi, senza dovere ogni anno avere a che fare con inutili duplicazioni di carattere esclusivamente burocratico”.

Pubblicità