Ss106 jonica: alta velocità e infrastrutture. Le novità annunciate dal sottosegretario Margiotta a Zonadem

Pubblicità

Negli ultimi mesi per la Ss106 e per i territori dello Jonio cosentino pare che le problematiche inerenti l’alta velocità e le infrastrutture siano diventate, ancora una volta, terreno di scontro politico tra istituzioni e cittadini. Il consigliere regionale Mimmo Bevacqua ha ritenuto doveroso partire da Mirto Crosia allora per discutere di un tema nevralgico che “deve essere la sfida più importante della classe dirigente”.

Presenti il sottosegretario ai Trasporti ed alle Infrastrutture Salvatore Margiotta ed il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Mimmo Battaglia. Oltre naturalmente al segretario del circolo di Mirto Giovanni Alvaro, a Nilo Le fosse storico esponente di zonadem provinciale e alla consigliere comunale di Mirto Crosia Maria Teresa Aiello.

L’iniziativa che si è svolta presso il “Palateatro” di piazza Iannelli è stata molto partecipata con amministratori e sindaci di tutta la provincia. Non a caso, infatti, Bevacqua ha annunciato un lungo giro, un tour, su tutto il territorio per affrontare, con i cittadini, riflessioni ad ampio raggio per accorciare il divario tra la gente e le istituzioni. “Il frecciargento da Sibari? È partita dalla mia commissione e grazie anche all’assessore Musmanno il risultato è arrivato. Non deve essere salutato come un successo ma solo una possibilità in più per i cittadini ed un recupero rispetto alle altre realtà che già da tempo usufruiscono di un servizio”, ha rimarcato Bevacqua.

“Crediamo fermamente che l’interesse verso i territori ed i cittadini calabresi debba essere costantemente presente nell’agenda politica di noi rappresentanti istituzionali. Il mio impegno, in questi anni, è andato esattamente in questa direzione. Da oggi, grazie al supporto del partito nazionale e dei tanti amici sul territorio, continueremo a visitare i luoghi importanti della nostra terra per ascoltare, proporre e condividere”, ha affermato Mimmo Bevacqua, tra gli applausi dei partecipanti.

“È mancata la fase di concretezza alla nostra Regione ed ognuno deve assumersi la parte di responsabilità”, il suo monito. “Non vogliamo sussidi ma essere messi in condizione di programmare. Se il Mezzogiorno non cresce, l’Italia non cresce”, il j’accuse del consigliere regionale. “Abbiamo finalmente gli strumenti legislativi per operare ma serve l’aiuto di tutti, del Governo centrale e del partito. Il Pd riprenda il cammino della speranza e delle risposte rispetto alle esigenze dei cittadini”. Velocizzare la burocrazia, questa forse la sintesi migliore dell’importante evento.

E se il capogruppo in Consiglio regionale Mimmo Battaglia ha ripreso il leit motiv delle scelte di Governo, cioè a dire la ripresa in tutti i settori nevralgici calabresi: dal Piano dei trasporti approvato dopo 20 anni ai rifiuti fino al macrolotto. Parola d’ordine da respingere: marginalità; il sottosegretario Margiotta ha invece focalizzato le attenzioni che il Governo e le “maggiori sinergie” da mettere in campo. “Su infrastrutture e trasporti si misura il Paese ed il grado di civiltà, oltre che di democrazia. Da uomo del Sud proverò ad avvicinare le distanze con il Nord iniziando ad invertire il trend. Fondamentale per il Pil”, ha affermato il senatore Margiotta. “Nel prossimo contratto di programma con Rfi inseriremo l’alta velocità da Battipaglia a Salerno. 1 miliardo e 800 milioni di investimenti annunciati e stabiliti da Rfi per la Calabria.

Sulla 106 Jonica invece occorre ricordare che ad agosto 2017 il Cipe aveva fatto sperare ll lieto fine. In realtà si è fatto molto ma non ci siamo ancora. Sia per la prima che per la seconda tratta l’Anas sta valutando la rispettiva ottemperanza ed appena avremo l’ok sulla verifica partiranno i lavori con il progetto esecutivo. Si può dare risposta importante e diretta da quel momento. Compito mio è quello di aggiornarvi in tempi rapidi. La strada è lunga ma la stiamo percorrendo, sebbene con una velocità che certamente va incrementata”, l’annuncio di Margiotta.

Pubblicità