Sartano (CS): giù il vecchio istituto scolastico, pronto il nuovo(video)

scuola-istituto scolastico-sartano-corbelli
Pubblicità

Oggi a Sartano una bellissima giornata di festa, destinata a restare nella storia della comunità. Questa mattina l’inizio della demolizione del vetusto e pericoloso edificio scolastico di via Padula e la costruzione, nello stesso spazio, del nuovo, moderno, antisismico e sicuro plesso scolastico destinato alla Scuola Primaria e dell’Infanzia, che ospiterà oltre 150 bambini.

E’ la prima scuola che in Italia viene demolita e ricostruita per il rischio sismicoUn esempio di prevenzione per l’intero Paese. Alla significativa cerimonia ha partecipato anche Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria ente che ha finanziato questa importante opera, attesa da molto tempo dalla popolazione locale.

Ad accogliere il Governatore, il sindaco Lucio Franco Raimondo, insieme alla sua amministrazione e ai consiglieri comunali ed il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli (nativo di Sartano), che questa opera ha fortemente voluto e per la cui realizzazione ha condotto, per anni, una difficile, ininterrotta battaglia.

Presente all’iniziativa anche la Dirigente scolastica, D’Andrea, diversi insegnanti e tanti bambini di due classi delle elementari che con i cartelli e le bandierine hanno espresso la loro gratitudine per questa bellissima, moderna e sicura nuova scuola che sarà ultimata entro l’anno.

Ringraziamenti rivolti anche e sopratutto a Franco Corbelli, il quale ha ricordato l’impegno anche della precedente Amministrazione, dell’ex sindaco Sabatino Cariati, dell’ex assessore Raffaele Fazio, del progettista ing. Giuseppe Cervarolo. Il leader di Diritti Civili si è detto molto contento per questo importante risultato, che ha definito “una grande conquista, una delle più importanti tra le tantissime ottenute in oltre 30 anni con le mille battaglie civili”.

Corbelli ha ricordato “l’aiuto determinante del presidente Oliverio che ha finanziato, con la Regione e insieme al Ministero delle Infrastrutture, l’importante opera, per un importo complessivo di un milione e 300 mila euro”. Tre anni fa, Corbelli era riuscito a far chiudere la fatiscente scuola, per salvaguardare l’incolumità degli oltre 150 bambini e del personale scolastico che vi lavora. Oggi l’inizio della demolizione.

Il vecchio edificio era stato costruito oltre 50 anni fa con calce e tufi, con una lunga e larga campata sospesa nel vuoto senza alcun appoggio! Insomma, i bimbi hanno rischiato veramente tanto.

Sartano, va sottolineato, si trova nella Media Valle del Crati, una delle zone a più forte rischio sismico d’Italia. Oggi dunque si è compiuto un notevole passo avanti, volto solo alla salvaguardia dei piccoli alunni. La fine di un incubo. Il Presidente Oliverio che, insieme a Corbelli e al sindaco Raimondo, ha fatto poi visita ai bambini nelle aule della vicina scuola provvisoria, ha ricordato l’impegno del leader di Diritti Civili per questa importante opera che la Regione ha finanziato. La Giunta regionale, lo vogliamo ricordare, ha puntato molto sulla ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici, tanto da collocare la Calabria al primo posto in Italia in tema di prevenzione antisismica.

Pubblicità