Lun 6 Dic 2021
spot_img
HomeAttualitàEconomiaRende: querelle sull'acqua tra comune e...

Rende: querelle sull’acqua tra comune e Sorical, cittadini a secco

E mentre da una parte si legge pubblicata sull’albo pretorio del comune di Rende un’ordinanza firmata del sindaco Marcello Manna che intima alla Sorical, il ripristino della fornitura idrica dell’acquedotto Abatemarco su tutto il territorio rendese, dall’altra si viene a sapere che la stessa società che gestisce gli acquedotti regionali, avanzerebbe dal comune di Rende circa due milioni di euro. Insomma una querelle che non si riesce a comprender bene. Di certo, tra questi vasi di ferro che cozzano gli uni contro gli altri resta, come il vaso di coccio, il consumatore.

La Sorical garantisce al comune di Rende una portata di 230 litri al secondo ma, secondo quanto riportato nell’ordinanza del sindaco, la società avrebbe effettuato arbitrariamente dalla giornata di ieri, martedì 4 febbraio, una riduzione del 25/30% che ha creato disservizi per l’utenza pubblica e privata (scuole, uffici e attività commerciali) che per motivi di igiene e salute pubblica hanno dovuto sospendere le loro attività, nonostante vi sia un piano di rientro dal debito per la fornitura idropotabile all’ingresso del Comune di Rende avviato con il pagamento di un primo acconto a Sorical Spa di 190mila euro effettuato il 28 gennaio.

Nell’ordinanza il primo cittadino del Campagnano chiede il ripristino della fornitura e, in caso di non ottemperanza, si provvederà a deferire la Sorical all’autorità giudiziaria. Copia del provvedimento sarà inviata al prefetto e ai presidenti della regione e della provincia di Cosenza.