Castrovillari, il Carnevale entra nel vivo

Corteo re carnevale Castrovillari foto Iazzolino-Martinisi
Pubblicità

Con l’incoronazione di “ RE BURLONE”, l’evento carnascialesco più famoso della regione, giunto alla 62 edizione, si entra nel vivo della manifestazione castrovillarese la più longeva del Meridione d’Italia. L’evento valorizza, per come vuole rigorosamente la tradizione, il mascheramento,  peculiarità e vera attrazione del Carnevale del Pollino che si inserisce, a pieno titolo tra le manifestazioni storiche e di prestigio del MIBACT e tra  gli eventi storicizzati della Regione Calabria. L’impostazione organizzativa, l’espressione culturale, la longevità, la grande partecipazione di pubblico, rendono oggi il Carnevale di Castrovillari   uno dei più grandi eventi invernali calabresi; inserito dal Touring Club tra i più importanti carnevali d’Italia.

Il tradizionale corteo del giovedì grasso è stato aperto da due componenti il Gruppo della Pro Loco, coi i tradizionali vestiti di Cuzzo e Pacchiana con in mano le chiavi della città, dalla Madrina del Carnevale, Diana Nicoletti, dalle Miss Carnevale Eleonora Bianchimano e Marilena Ambrosio, i tamburi di Montecerviero, il corteo storico Comunalia e il gruppo folklorico “Miromagnum” di Mormanno, con in testa il sindaco Giuseppe Regina e il suo vice Paolo Pappaterra, la banda musicale comico napoletana, il carro di Re Carnevale, Organtino e Quaresima e il popolo del carnevale. Giunto nella centralissima piazza Municipio, sul palco il presidente della Pro Loco, Eugenio Iannelli, la Miss Maschera, Iris Roberta Tricoci,  ha dato inizio alla diatriba tra Re carnevale e la Quaresima. Subito dopo il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, ha consegnato, simbolicamente, le chiavi  della città al “ Re burlone” che ha aperto di fatto, la porta della gioia e del mascheramento che durerà fino a martedì grasso 25 febbraio , allorquando il “Sovrano” verrà  bruciato sul rogo e la Quaresima prenderà il suo posto. 

Poi spazio all’allegria con il popolo del carnevale e le danze curate da Danilo Di Marco con gli studenti degli Istituti I.I.S.G. Garibaldi-Alfano-Da Vinci e I.I.S.E. Mattei-Pitagora-Calvosa. In serata poi  uno degli appuntamenti più attesi e caratteristici del Carnevale di Castrovillari: la cosiddetta: “Sirinata d’a Savuzizza” (XVIII Concorso per Serenate Tradizionali) dedicata al compianto artista castrovillarese Gianni Francomano, che riprende l’antico rituale carnascialesco castrovillarese delle “Mascherate”. Una operazione mirata e lungimirante che riporta il carnevale al centro dell’attenzione di un’ intera comunità che rivive il rito carnascialesco per come vuole la tradizione. Una marea di gente si è riversata nel Rione “ Pontaniddo” dando inizio alla festa e all’allegria.

Pubblicità