Ven 7 Ott 2022
spot_img
HomeAttualitàSalute&BenessereConsigli utili per tenersi attivi a...

Consigli utili per tenersi attivi a casa

Chi dopo una vita di tanti sforzi lavorativi giungerà alla tanto attesa pensione sarà costretto a restare a casa per lunghi periodi di tempo prima o poi si troverà a dover fare i conti con la noia. Proprio per questo è sempre utile tenersi attivi ed avere qualcosa da fare per ammazzare il tempo. Un antico proverbio insegna che l’ozio è il padre dei vizi e per evitare di spendere intere giornate sul divano si potrebbe unire l’utile al dilettevole iniziando ad esempio a bruciare calorie per rimettere in ordine il proprio appartamento o dedicarsi a qualche piccola attività di bricolage e manutenzione. 

Le casalinghe hanno del resto un asso nella manica: sembra infatti che un’ora di pulizia di pavimenti consumerebbe circa 145 kilocalorie aiutando a tonificare gambe e braccia, i gruppi muscolari maggiormente coinvolti in questa attività. Passare l’aspirapolvere mangia 90 kilocalorie, una quisquilia in confronto alle 150 kilocalorie di un’ora passata a stirare mentre il non plus ultra degli esercizi casalinghi è la pulizia dei vetri che in 60 minuti consuma circa 330 kilocalorie e regala bicipiti e spalle d’acciaio alla Mastro Lindo meglio delle attività di inceratura di Karate Kid. Una mattinata alla “Alfred” spesa magari anche a falciare l’erba del giardino e a potare le piante in balcone, oltre a mantenere il tono muscolare e a rassodare e tonificare alcune aree strategiche del corpo, potrebbe dunque aiutare a smaltire tra le 400 e le 1000 kilocalorie (a seconda del tempo impiegato, del proprio peso corporeo e delle attività svolte), come una partita di tennis o un’arrampicata di un’ora. Uno sforzo a bassa intensità senz’altro meno usurante ma non per questo meno allenante delle classiche attività sportive. 

Altra interessante attività fisica oggi estremamente di moda negli ambienti più disparati è senz’altro lo yoga, l’antica pratica meditativa originaria dell’India che oltre a bruciare calorie promette di mantenere elastici legamenti, muscoli e articolazioni mentre aiuta a rilassare la mente e a ritrovare serenità ed equilibrio. Lo yoga svolge la sua azione benefica sia sul corpo che sulla mente lavorando a livello profondo anche sul cervello che per essere mantenuto attivo ha bisogno di continui stimoli. I classici libri rimangono amici insuperabili con cui scambiare quattro chiacchiere, una scelta scontata che resta in ogni caso un evergreen ma se si ambisce a qualcosa di più moderno per movimentare la testa, a sorpresa anche i videogiochi potrebbero essere di grande aiuto per non perdere brillantezza confinati tra quattro mura… 

A dirlo è una ricerca condotta dalla Queen Mary University di Londra in collaborazione con la University College of London che nel 2013 spiegò come alcuni giochi di strategia sarebbero utili più di altri per incrementare la flessibilità cognitiva e per accelerare il processo decisionale stimolando le sinapsi del cervello divertendosi. 

Sempre in tema di “ginnastica mentale” un’altra alternativa estremamente valida e virtuosa è quella di giocare a poker, baccarat, roulette gioco online, attività davvero interessanti, ideali per mantenere impegnate le meningi in maniera attiva. Tra calcoli statistici e numerici, presi dallo studio di eventuali avversari, gli utenti allenano la loro mente e testano le proprie capacità mnemoniche e di valutazione mentre, a patto di saperci fare, alcuni di loro riescono anche ad arrotondare mettendosi in tasca quel surplus utile per sbancare il lunario senza troppi patemi d’animo. In questo caso l’importante è non farsi prendere troppo la mano e giocare responsabilmente magari diventando sempre più pratici e sognando un futuro da professionisti. 

Anche per gli antichi romani, maestri a loro modo dell’arte del non fare con costrutto, uno dei momenti più importanti dell’otium era quello del convivium, ovvero del pasto. Invece di alimentarsi con cibi surgelati o spazzatura da cucinare al microonde si potrebbe riscoprire il gusto di una cucina ricercata e delle cotture lente, bollite, al vapore, al forno. I più temerari potrebbero pensare di riportare in auge i laboriosi processi di stagionatura e affumicatura spingendosi fino all’essiccazione al sole. Senza vestirsi di pelli e impugnare clave o pugnali di ossidiana si potrebbe favorire il piacere della tavola e mantenere la linea pur non sacrificando il gusto cogliendo magari l’occasione per emulare uno dei tanti maestri dei fornelli ormai celebri in televisione e perché no, concedersi anche dei pasti “laidi e corrotti” che possano far ritrovare il buonumore affogando il tedio nelle profondità più recondite e dense della sugna. 

Una lunga pausa casalinga potrebbe essere anche un’ottima occasione per dedicarsi a un hobby: dalla numismatica, alla filatelia passando per la pittura, non mancano attività nel quale immolare il proprio genio. Anche la musica, ascoltata, studiata e suonata risulta sempre una valida alleata nella lotta all’uggia, un bel disco, uno spartito o una strimpellata sono un’ottimo rimedio contro l’apatia. In cima alla piramide delle attività ricreative da otium c’è senz’altro il sonno, l’abbraccio di Morfeo è infatti da sempre riconosciuto come una panacea contro la noia. Durante la “morte momentanea” si bruciano all’ora circa 0.84 kilocalorie per kg corporeo e dunque di media in una nottata di sonno dove si dormono 8 ore si possono bruciare dalle 300 alle 400 kilocalorie mentre anche schiacciando un pisolino pomeridiano il nostro corpo continua a consumare lasciandoci di fatto al risveglio ogni volta più magri. Perché dunque non votarsi con dedizione all’antica pratica della siesta postprandiale, un inno alla pace dei sensi e un’ottima occasione per “evadere” dalla vita ed immergendosi nel proprio universo onirico, navigando tra nei flussi calmi e tempestosi dell’altra realtà.