Sab 21 Mag 2022
spot_img
HomeRUBRICHEMade in CalabriaVendita record per "Michael's gate" il...

Vendita record per “Michael’s gate” il quadro dedicato alla Calabria

di Anna Zupi

Vendita record per una copia di Michael’s gate il quadro dipinto da Gilberto Di Benedetto  e dedicata alla Calabria.

E’ stata acquistata a Milano per ottocentomila nurkoin una copia in dimensioni originali. Un affare per il pittore del mitico quadro hypnos. La proprietaria del dipinto ha deciso di accettare questa moneta perche’ convinta che realizzerà risultati importanti.

 

In una sua nota ha dichiarato: NUR KOIN, è la moneta di cui ti puoi fidare. Una criptovaluta di epoca moderna che è sicura, senza soluzione di continuità e supportata da aziende di valore reale.L’attuale tecnologia ci consente di riprodurre su tela con lo spessore e la materialità reale del colore, in serigrafia ad alta definizione, un preciso numero di copie del noto dipinto esoterico Michael’s Gate del misterioso pittore Hypnos.
L’assoluta novità di queste “copie d’autore” che di fatto diventano dei pezzi unici, quasi “reliquie” del prototipo originale, è che ciascuna di esse sarà corredata dal genoma dell’artista che la rende così a tutti gli effetti, un’estensione, un’emanazione del dipinto realizzato da Hypnos.

 

La serie sarà di 999 pezzi, numerati, firmati e certificati e andrà a creare una vera e propria sorta di “rete neurale”, psichica tra i possessori di ciascuna copia, collegate tutte all’originale.

In pratica Michael’s Gate, diviene una sorta di “portale” psichico, astrale, luminoso che ricorda agli uomini e a tutti coloro che ne posseggono una copia, la loro dignità e il loro diritto all’esistenza più vera. È quindi una specie di “magia”, un’operazione “magica” che coinvolge tutte le copie di Michael’s Gate, collegate con il dipinto “madre”, che consentirà la creazione di quella che gli esoteristi chiamano un’ eggregora, finalizzata al conseguimento della propria realizzazione psicospirituale.

Sarà quindi il proprietario della “copia” a dare e a trarre forza dall’immagine non iconica del dipinto, proiettando verso di essa con la propria immaginazione la volontà che lo spinge ai più alti risultati spirituali, animici ma anche concreti.