Gio 17 Giu 2021
Advertising
Home Politica Casali del Manco, l'annuncio di De...

Casali del Manco, l’annuncio di De Donato per il centro valente “Mele”

“In questi mesi, ho avuto l’onere e l’onore di curare e gestire, nella mia qualità di Consigliere comunale delegato allo Sport, l’importante obiettivo di riqualificazione e rifunzionalizzazione del Centro Polivalente “Francesca Mele” -in località Pedace. Oggi con Delibera di Giunta numero 105 del 11/11/2020 quanto programmato in sede di bilancio diventa realtà”. Ad annunciarlo Fernando De Donato, consigliere comunale con delega allo Sport, Traporti pubblici, Affari Legali, Istituzionali,Generali, rapporto con altri Enti- Capo Gruppo Partito Democratico.

“Riqualificazione centro sportivo f.mele di località Pedace – approvazione progetto esecutivo. Il centro sportivo in parola, luogo di forte identità per tutta la comunità Presilana e non solo, ha accompagnato intere generazioni nelle discipline sportive come il calcetto, il tennis e la pallavolo. Allo stato dei luoghi, il centro sportivo versa in una condizione di forte degrado, le superfici di gioco sono completamente danneggiate e l’area esterna costituisce un pericolo per la sicurezza dell’utenza. Gli interventi da realizzare riguarderanno il rinnovamento del campo da calcetto tramite la sostituzione del manto in erbetta sintetica mentre, il campo da tennis/pallavolo/basket verrà riqualificato attraverso l’impiego di una superficie in resina sportiva e il tracciamento delle linee di campo”, scrive De Donato.

il capogruppo De Donato

Inoltre, “verranno rinnovate le recinzioni perimetrali dei campi, per rendere più sicura l’attività sportiva. È prevista la realizzazione di una pista di atletica che corre lungo il perimetro dei campi, tale intervento renderà funzionale e armonico il rapporto “superfici di gioco/spazio esterno”. L’area circostante sarà dedicata allo svago e alla socializzazione: zone di sosta – dalle forme morbide – si intersecheranno con aree permeabili a verde, ombreggiate ed attrezzate con sedute per la visione dell’attività sportiva. Tutta l’area è stata progettata per garantire i requisiti di accessibilità e vivibilità da parte degli utenti diversamente abili, secondo quanto prescritto dalle norme per l’abbattimento delle barriere architettoniche”, aggiunge.

Ancora, “il rifacimento completo della pavimentazione esterna mediante bitume colorato e la realizzazione del sistema di raccolta acque superficiali (risoluzione dello storico problema delle pozzanghere). Altro particolare, verrà eseguito un intervento di Relamping dei proiettori attraverso l’utilizzo della tecnologia LED per migliorare la resa ed il comfort luminoso, l’efficienza energetica e garantire la riduzione dei consumi.

Infine, una riflessione. Ritengo che la politica dello Sport debba essere costruita partendo dall’analisi del territorio e delle sue potenzialità. La diversificazione dell’offerta sportiva (calcio, pallavolo, tennis, sport invernali, ciclismo, canottaggio, equitazione, trekking, pesca sportiva nei laghi e nei fiumi) deve costituire lo strumento d’eccellenza per progettare un sistema integrato di sviluppo volto alla promozione del territorio. Bisogna elevare a “sistema” quello che stiamo costruendo, solo cosi potremo ambire a distinguerci nel panorama provinciale e regionale. Il nostro territorio riesce a diventare un posto magico, dalle caratteristiche ideali per ospitare le grandi manifestazioni.
Tanto per citarne qualcuna: il Giro D’Italia, le Gare Nazionali di Canottaggio, La 1° Gara di Nuoto Libero nel Lago Arvo.

Con il la realizzazione della “Ciclovia dei Parchi” e l’essenziale ruolo del Parco Nazionale della Sila nel progetto di infrastrutturazione della rete sentieristica calabrese e della più estesa pista ciclabile d’Italia, il cicloturismo può contribuire fattivamente nella costruzione di innovative filiere turistiche.

Certo, non riusciremo a realizzare tutto e subito, ma bisogna avere un’idea, anzi, una visione per il nostro territorio, potenziando le infrastrutture sportive presenti in tutte le località casaline e l’altopiano silano e creando una rete tra le stesse. Dobbiamo puntare a realizzare un sogno: Casali del Manco – Città dello Sport!”.