Home Sport Il tennis calabrese si adegua al...

Il tennis calabrese si adegua al Covid

Il coronavirus ha stravolto la stagione tennistica: non è bastato il precedente lockdown di marzo, ancora oggi la seconda ondata di contagi ha creato grossi problemi ai tennisti, ma anche agli organizzatori dei tornei.

L’ultimo Dpcm ha portato la Calabria in “Zona rossa”, motivo per cui sono state sospese tutte le competizioni regionali. Possono essere disputati solo i tornei di rilevanza nazionale e possono allenarsi solo i giocatori che si preparano a disputare queste manifestazioni.

In questo finale di stagione, quindi, il calendario del tennis calabrese è stato modificato in maniera sostanziale: al di là del circuito Rodeo Calabria Tennis, il cui Master si giocherà nel fine settimane del 28 e 29 novembre, sono comunque diversi i tornei previsti.

Nel prossimo fine settimana si concluderanno il torneo d’autunno, in corso di svolgimento a Roggiano Gravina, in provincia di Cosenza, che vede in campo giocatori di terza categoria, e quello femminile di quarta categoria, in programma allo “Smash” di San Pietro in Guarano, sempre nel cosentino. Domenica 29 novembre, invece, ci si sposta a Reggio Calabria, precisamente al Tc Pharaon per il memorial “Santina Trebisonda”, torneo di terza categoria che sta per prendere il via in questi giorni e che prevede sia un tabellone maschile, che uno femminile.

Sette giorni dopo, ovvero il 6 dicembre, spazio alle finali dell’Open della Piana, torneo che si svolge sui campi del Ct Gioia 1974. Anche in questo caso giocheranno sia gli uomini che le donne. Nello stesso week-end, sui campi del Tc Ball di Vibo Valentia, spazio alle donne di quarta categoria, mentre due giorni dopo, ovvero il giorno dell’Immacolata, l’8 dicembre, si conclude il primo torneo Open di Padel al Tc Cosenza.

Nelle ultime tre settimane dell’anno, poi, sono state programmate altre manifestazioni, ma il calendario è in continua evoluzione nella speranza che l’andamento della pandemia possa favorire lo svolgimento dei tornei, ma anche dell’attività di base.

(redazione Calabriasport)