Home Attualità Catanzaro, riapertura scuole. Codacons e I...

Catanzaro, riapertura scuole. Codacons e I Quartieri diffidano Abramo

Abramo si sta assumendo una responsabilità enorme, nei confronti dei ragazzi, delle loro famiglie e di tutto il personale scolastico”. Così inizia la diffida firmata da Codacons e I Quartieri per non riaprire le scuole domattina.

“Le rassicurazioni fornite dall’Asp – scrivono Francesco Di Lieto e Alfredo Serrao –  parrebbero quelle di inviare un infermiere in ogni struttura scolastica (meglio, per ogni istituto comprensivo) per eseguire “tamponi veloci” ai sintomatici, infermiere che poi si relazionerà con il personale medico. Ma non è tutto. Ancora non abbiamo l’esito dei tamponi effettuati circa un mese addietro, ed ecco un coup de theatre: un laboratorio nuovo di zecca. L’Asp avrebbe assicurato la “creazione di un laboratorio” (privato?) che si occuperà dello screening dei tamponi del “pianeta scuola”. Dove saranno effettuati domattina i “tamponi veloci”; chi dovrà prestare il consenso; il laboratorio deputato ad effettuare lo screening è pubblico o privato; in che tempi fornirà risposte”.

“Caro Sergio Abramo, non si può giocare sulla pelle dei ragazzi – concludono Di Lieto e Serrao.

Siamo perfettamente consapevoli della grande importanza della scuola, purtuttavia la gestione da parte dell’Asp, che sconfina in una vera e propria interruzione di pubblico servizio, non consente di aprirle in sicurezza. Altrimenti sarà chiaro a tutti che le responsabilità sono di chi, domani – con un fare pilatesca – se ne laverà le mani”.