Home Attualità "Il 15 gennaio #IoApro", ristoratori italiani:...

“Il 15 gennaio #IoApro”, ristoratori italiani: ribellione contro il Dpcm

Sono quasi 100mila le adesioni in tutta Italia all’iniziativa #IoApro contro le nuove restrizioni del Governo .La rivolta dei ristoratori italiani contro le restrizioni imposte dai Dpcm contro il Covid passa dall’hashtag #IoApro, lanciato su twitter e rimbalzato su tutti gli altro social. Un’iniziativa lanciata da titolari di attività fiaccati dalle chiusure, che ha preso piede prima in Toscana e Emilia per estendersi anche al resto del Paese.

Dopo mesi e mesi di restrizioni e chiusure e dopo le proteste delle ultime settimane alcuni ristoratori e gestori di locali hanno deciso di organizzarsi e di sfidare le regole che verranno decise nei prossimi giorni – e che prevedono di nuovo la chiusura dei locali pubblici. Il 15 gennaio, infatti, hanno annunciato che terranno le proprie attività aperte, nonostante i divieti.

I pasti, nelle intenzioni dei promotori, verranno serviti al tavolo sia a pranzo che a cena. Niente chiusura. Disobbedienza ma, viene assicurato, nel rispetto delle altre regole anticontagio: mascherine, gel igienizzante per tutti e distanziamento.

Le aperture, come specificato nella locandina che sta facendo il giro sui social e sulle chat di messaggistica prevedono anche la tutela legale gratuita per tutti i partecipanti. Una manifestazione simbolica a cui anche alcuni cittadini potrebbero partecipare in segno di solidarietà.