Home Attualità Niente sci fino al 5 marzo,...

Niente sci fino al 5 marzo, il provvedimento di Speranza

Ennesima delusione per appassionati dello sci e per gli operatori del settore. Il giorno prima della tanto agognata riapertura degli impianti sciistici arriva un altro stop dal governo.

 Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato questa sera il provvedimento che impone la chiusura fino al 5 marzo. Una decisione che era nell’aria, visto l’aumento dell’indice RT in molte zone d’Italia e il diffondersi della variante inglese che, però, getta nella disperazione i titolari delle stazioni sciistiche, così come tutto il mondo che lavora intorno a questa disciplina, dai rifugi ai maestri. Il nuovo alt è, di fatto, una pietra sopra la stagione, dato che marzo rappresenta tradizionalmente solo la “coda” dell’annata. Fino a quest’ultimo provvedimento le strutture avrebbero dovuto riaprire domani, lunedì 15 febbraio.

La misura, spiegano dal ministero della Salute, tiene conto dei più recenti dati epidemiologici comunicati venerdì 12 febbraio dall’Istituto Superiore di Sanità, attestanti che la variante inglese caratterizzata da maggiore trasmissibilità, rappresenta una percentuale media del 17,8% sul numero totale dei contagi. La preoccupazione per la diffusione di questa e di altre varianti del coronavirus, precisano dal ministero, ha portato all’adozione di misure analoghe in Francia e in Germania.