Mer 19 Gen 2022
spot_img
HomeAttualitàCovid, avvocati calabresi sul piede di...

Covid, avvocati calabresi sul piede di guerra: “Esclusi dal piano vaccinale”

“Occuparsi dell’argomento del vaccino contro il morbo pandemico, significa affrontare temi sensibilissimi: Il diritto alla salute, alla vita, la sofferenza della malattia e della perdita degli affetti. Basterebbe riflettere su questo per avvertire il disagio su quanto si racconta a proposito dell’affannosa rincorsa per categorie professionali o ritenuta rilevanza del servizio reso”.

A scriverlo sono i presidenti delle dieci Camere penali calabresi che, con una lettera indirizzata al Ministro della giustizia e al commissario della Sanità calabrese,  lamentano la scarsa attenzione verso la categoria esposta al contagio del Covid nelle aule dei tribunali.

Manca un piano di distribuzione chiaro

“Si legge che avvocati, magistrati e anche giornalisti rivendicano l’essenzialità del loro ruolo nella società ed aspirano all’immunità anticipata. Osserviamo – proseguono – che tale esibizione di particolarismi in competizione, sollecitati dal demone della paura che si è impadronito di ciascuno di noi, non è casuale. La corsa al vaccino mette in evidenza la mancanza di un piano di distribuzione basato su regole chiare. Inevitabile che trafficanti d’influenza per conto proprio o della categoria d’appartenenza, siano scatenati”.

“In tale desolante quadro diamo conto della situazione calabrese in cui il servizio pubblico essenziale della giustizia, a braccetto con le Prefetture, smarcandosi da altri, è riuscito ad ottenere il suo stock di Astrazeneca – evidenziano – Diamo conto che il commissario Longo ha scartato gli avvocati concelebranti la liturgia quotidiana dei processi alle moltitudini di imputati nonché obbligati assembratori di corridoi e atrii davanti ad aule ed ingressi di cancellerie semideserte”.

“Risorse limitante verso chi ha potere e influenza”

“Nel quadro di sostanziale alegalità è assai probabile che le risorse limitate siano distratte verso chi ha potere e influenza – scrivono – Ma nel caso specifico si tratta di organizzare la distribuzione di utilità essenziali per la salvaguardia della salute e della vita delle persone. Beni rispetto ai quali non può discriminarsi per categoria di appartenenza. E si tratta, per altro verso, di stabilire quale Servizio Pubblico essenziale debba funzionare e a quali condizioni. Secondo il Commissario Longo il servizio giustizia funzionerebbe scartando la categoria professionale che esercita la funzione difensiva nei procedimenti giudiziari”.

Le richieste

I presidenti delle Camere penali calabresi si rivolgono, dunque, al ministro della Giustizia “perché con chiarezza faccia intendere che non è affare del Commissario della sanità della Calabria far funzionare un servizio scegliendo di garantire coperture vaccinali ad alcuni soltanto delle parti essenziali del sistema”.

Al commissario Longo viene chiesto di svelare “il criterio in base al quale ha ritenuto  di assegnare priorità a Magistrati e personale amministrativo e dipendenti di Aziende a contratto col Ministero”. Infine, al ministro Cartabia e a Longo gli avvocati calabresi domandano di sapere “le ragioni per le quali non è stato avviato un piano di vaccinazioni nelle carceri”. “Da avvocati penalisti – concludono – abbiamo il dovere di sostenere chi arriverà ultimo ed in ritardo anche per il danno prodotto dalla mancanza di un piano serio e per l’opacità delle scelte dei responsabili della distribuzione”.