Dom 18 Apr 2021
Advertising
Home Sanità Covid: ripiombati nell'incubo. Ospedale di Cosenza...

Covid: ripiombati nell’incubo. Ospedale di Cosenza di nuovo al collasso

Sembra di essere ripiombati nell’incubo dello scorso Marzo, ma è la triste realtà: siamo nel pieno della terza, terribile, ondata di contagi Covid. Purtroppo, però la consapevolezza è diversa come anche ben chiare sono le differenze tra questa ondata di contagi e la prima. Nella prima ci siamo trovati ad affrontare senza armi un nemico sconosciuto che in pochi mesi ha portato via 36.000 nostri concittadini ed ha stravolto le nostre esistenze ed il nostro mondo. Non avevamo Dispositivi di protezione individuale, non avevamo protocolli di presa in carico e cura domiciliare, non sapevamo che la malattia evolvesse attraverso diverse fasi e richiedeva quindi un approccio terapeutico adeguato e quanto più precoce possibile.

La medicina ha fatto passi da gigante però, ci ritroviamo quasi al punto di partenza. La colpa? Da una parte potrebbe essere addebitata al pressapochismo di noi cittadini, dall’altra però a chi ci avrebbe dovuto proteggere e tutelare.

E così ci risiamo. Gli ospedali in Calabria tornano ad essere in affanno, oberati dal moltiplicarsi di pazienti positivi al Covid-19. A Cosenza, ad esempio, all’Annunziata sono tutti occupati i posti letto dedicati ai malati covid, mentre ci sono persone positive al coronavirus in Pronto soccorso in attesa di essere allocate in reparto. Per questa ragione la decisione della A.O. di riconvertire a reparto Covid la medicina Valentini, mentre già tanti pazienti affetti dal maledetto virus sono stati trasferiti a Catanzaro.