Ven 16 Apr 2021
Advertising
Home Politica Zona rossa, Spirlì replica a Irto:...

Zona rossa, Spirlì replica a Irto: “Scarica su altri la responsabilità di un evento particolare”

Irto attacca, Spirlì risponde. Botta e risposta via social tra il candidato del centrosinistra alle prossime elezioni regionali in Calabria e il presidente in carica sulla questione vaccini.

Ad affondare il primo colpo è stato Nicola Irto che sul suo profilo facebook ha scritto: “Oggi, mentre abbiamo ascoltato un altro episodio delle cronache marziane secondo cui le vaccinazioni in Calabria starebbero andando a gonfie vele, ci è stato spiegato che la prossima settimana ci sveglieremo in zona rossa. Merito della sconcertante e incapace gestione della giunta regionale che non ha saputo arginare minimamente i contagi nonostante mille contraddittori provvedimenti. Complimenti vivissimi alla destra calabrese che “governa” la Regione.”

Irto rincara la dose: “Stamattina – prosegue il suo post – hanno provato a convincerci che in Calabria le vaccinazioni stanno andando alla grande, a cominciare dagli over 80, eppure specialmente gli over 80 e le categorie fragili non sanno come orientarsi nel mare della disorganizzazione e dell’incertezza della campagna vaccinale calabrese. Basta! Il Covid è una immane tragedia che sta continuando a colpire le nostre vite, che miete vittime e che ogni giorno di più sta devastando quel che resta della nostra economia. La politica non è un reality di bassa lega, non basta presentarsi davanti alle telecamere per modificare la realtà. Occorre moltiplicare i punti vaccinali, coinvolgendo le migliori strutture pubbliche e private, e vaccinare 12 ore al giorno. La Giunta regionale e la struttura commissariale si sbrighino a dare risposte concrete, chiare e immediate ai calabresi che devono essere vaccinati.”

La riposta del presidente facente funzioni non si è fatta attendere e, sempre tramite social, Nino Spirlì ha così risposto: “Piove, governo ladro. È il sintomo più evidente di una strana sindrome di cui soffrono in parecchi: scaricare su altri, a caso, la responsabilità di un evento particolare. Ora, che lo faccia, pur in malafede, una persona disinformata, passi; ma che tenti di farlo, con malevola cocciutaggine, un esponente politico che di piogge acide ne ha “macinate” tante, è veramente ridicolo. Eppure, il pluridecorato consigliere Irto non perde occasione per tentare l’offesa alla Giunta Regionale e al suo Presidente. I suoi doppi sensi da bassa macelleria letteraria sono oltremodo offensivi per la lingua italiana. Ma, tant’è! Anche dei contagi sarebbe colpevole il governo regionale, quando, all’orizzonte, lontaaaanooooo, si potrebbe intravvedere una timida candidatura…Chi vuole regalare un po’ del proprio tempo al suddetto? Magari occupandolo nella paziente pratica della conversazione coi muri? Io, intanto, penso a cose serie.”