Mar 13 Apr 2021
Advertising
Home Cronaca Inchiesta Appalti e Massoneria, ancora sequestri...

Inchiesta Appalti e Massoneria, ancora sequestri e perquisizioni: 18 indagati

Proseguono le indagini dei carabinieri di Scalea su disposizione della Procura della Repubblica di Paola diretta da Pierpaolo Bruni, in merito all’inchiesta scattata lo scorso 27 gennaio che portò alla scoperta di una loggia massonica segreta che avrebbe agito per condizionare appalti pubblici e compiere reati contro la pubblica amministrazione. In particolare, i militari dell’Arma hanno avviato, questa mattina, mirate perquisizioni nelle abitazioni di due assessori del Comune di Belvedere Marittimo, Luigi Cristofaro e Marco Liporace.

Secondo l’ipotesi accusatoria, un gruppo di professionisti, alcuni dei quali anche facenti parte di una loggia massonica segreta, avrebbero agito per spartirsi appalti pubblici. A gennaio scorso, 18 persone vennero iscritte nel registro degli indagati per le ipotesi di reato di truffa, turbata libertà degli incanti, corruzione e violazione della Legge Anselmi che vieta la costituzione delle logge massoniche segrete.

Oltre ai due amministrator sono finiti sotto la lente degli inquirenti Maria Grazia Melega, Francesco Esposito, Vincenzo Cristofaro, Silvano Cairo, Giuseppe Marsico, Maria Petrone, Vincenzo Donato Rosa, Raffaele Grosso Ciponte, Giuseppe Caroprese e Gianfranco Amodeo. Come detto, i reati contestati sono, a vario titolo, truffa alla turbata libertà degli incanti, alla corruzione, fino alla violazione della Legge Anselmi. I fatti contestati sono compresi nell’arco di tempo che va dal 2018 al 2020.