Gio 6 Ott 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàUn format “made in Spilinga” per...

Un format “made in Spilinga” per valorizzare le eccellenze locali

Siglato il protocollo tra Comune e la “Maccaroni Chef Academy” di Cosenza

“La nostra parola d’ordine? Narrare. La nostra mission? Valorizzare le eccellenze enogastronomiche made in Calabria e a km0”. Corrado Rossi, imprendirore a 360gradi, aggiunge- ancora una volta- quel pizzico d’ingrediente in più verso un successo già annunciato. “Abbiamo riscontrato la necessità di un format “made in Spilinga” in grado di creare nuove sinergie tra gli attori locali”, ha sottolineato il direttore dell’Academy, Rossi. “Un territorio che attraverso le peculiarità si racconta da sé”, il messaggio.

Un protocollo d’intesa tra il Comune di Spilinga e la “Maccaroni Chef Academy”, Accademia di Cucina tradizionale, siglato dal sindaco Enzo Marasco e dal giovane manager e fondatore dell’Accademia Corrado Rossi, dunque.

 

“Per collaborare nelle attività di promozione del territorio, attraverso la cultura delle tradizioni e dell’enogastronomia”, si legge in comunicato. “Un percorso che sarà intrapreso con l’organizzazione di appositi “corsi di formazione” ed eventi sulla cucina del territorio, per turisti e cittadini locali, al fine di salvaguardarne le tradizioni, i sapori, la salute, la corretta alimentazione e lo sviluppo “sostenibile” del territorio, legandolo alla cultura della “Dieta Mediterranea”.

Il direttore Rossi, accompagnato dal sindaco Enzo Marasco e dal vicesindaco Franco Barbalace, delegato al progetto, ha visitato nei giorni scorsi alcune attività artigianali spilingesi, dai prodotti di pasticceria alla birra, naturalmente dalla ‘nduja al pecorino di Monte Poro.

Impegnati nel progetto diverse figure professionali: Chef, nutrizionisti, psicologi e giornalisti, “per iniziare insieme un percorso che mira alla scoperta dei segreti dell’arte culinaria ed all’aspetto della sana alimentazione, con corsi di cucina che saranno incentrati anche sul modello della “dieta mediterranea”, senza dimenticare ovviamente la cucina tradizionale.