Mar 15 Giu 2021
Advertising
Home Sport Calcio Cosenza nel Cuore: "Ostaggi di Guarascio...

Cosenza nel Cuore: “Ostaggi di Guarascio e della Scalise”

Il presidente Guarascio continua ad essere bersaglio di una dura contestazione portata avanti dalla tifoseria rossoblù dal giorno della retrocessione. Il gruppo, noto, “Cosenza nel Cuore” ha diramato, questa mattina, una nota ufficiale sul proprio canale facebook dal quale emerge un nuovo, duro, attacco nei confronti del patron di Via degli stadi.

OSTAGGI DI GUARASCIO E DELLA SCALISE: ECCO I FATTI E LE CONCLUSIONI:

I FATTI

“1) #Guarascio ha sempre sostenuto di non poter fare il passo più lungo della gamba e che se ci fosse stato qualcuno interessato a rilevare la società per investire massicciamente si sarebbe fatto da parte.

2) Nell’ultimo anno, pur di risparmiare sull’ingaggio di #Trinchera, non esonerandolo, ha di fatto decretato la retrocessione del Cosenza, consegnandone le sorti in mano alla serpe in seno salentina.

3) A retrocessione avvenuta, convocato dal Primo Cittadino, ha assicurato che se ci fossero state offerte concrete, avrebbe ceduto la società, confidandogli comunque, l’assenza di proposte.

4) In realtà le proposte e gli inviti ci sono stati, ed anche il Sindaco ha fatto intendere di essere stato “preso per i fondelli” da Guarascio.

5) Guarascio al #Sindaco ha assicurato, se non avesse ceduto, di mettere in piedi una compagine per la immediata risalita in serie B.

6) Ad oggi, i nomi circolati per il ruolo di DS e Allenatore non hanno alcuna caratteristica da squadra che miri a vincere il campionato”.

<<LE CONCLUSIONI>>

“1) Guarascio non dimostra alcun rispetto per i cosentini e per il Sindaco della città, perseverando nel negare verità ed addirittura prendendosi gioco di Occhiuto.

2) A Guarascio non interessa assolutamente che il #Cosenza raggiunga risultati importanti.

3) Per esclusione, quindi, mancando rispetto ed ambizione, in lui prevalgono puri interessi economici e convenienze fiscali che lo spingono a non “liberare” il Cosenza.

4) Le ambizioni di un popolo sportivo e, quindi, la voglia di crescita della città di Cosenza sono mortificate e frustrate dagli interessi di un egoista imprenditore LAMETINO (che giustifica il non realizzare il centro sportivo per i giovani calciatori perché i cosentini “non si meritano niente”), in combutta con la compagna e collega CATANZARESE che va in giro lamentandosi di avere speso molto! per il Cosenza.

SIAMO IN OSTAGGIO, UNA CITTÀ È IN OSTAGGIO!

ADESSO BASTA!”.

Il Direttivo Cosenza Nel Cuore