Gio 5 Ago 2021
Advertising
Home Cronaca Fingono un incidente stradale per ucciderlo,...

Fingono un incidente stradale per ucciderlo, due arresti

All’esito di articolate indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, la Squadra Mobile reggina, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato ed il supporto del locale U.P.G.S.P., nell’ambito dell’operazione “FULL SPEED” ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di 2 trentunenni reggini, ritenuti entrambi responsabili di tentato omicidio, ricettazione e danneggiamento a mezzo incendio, tutti aggravati dalla circostanza dell’agevolazione mafiosa.
Le indagini svolte dalla Polizia di Stato – sotto le direttive dei Sostituti Procuratori della D.D.A. di Reggio Calabria Stefano MUSOLINO e Walter IGNAZITTO – hanno consentito di mettere in luce quanto accaduto la mattina del 26 maggio u.s., disvelando dietro quello che, in apparenza, era sembrato un mero incidente stradale un tentato omicidio, dettagliatamente premeditato che solo per fortuite coincidenze non è giunto a compimento.
La Squadra Mobile reggina – Sezione “Criminalità Organizzata e Catturandi” – dopo aver acquisito e minuziosamente analizzato numerose immagini estrapolate da svariati impianti di video sorveglianza, ha ricostruito la complessa dinamica dei fatti, individuato gli autori e ricostruito finanche il loro percorso di fuga.