Ven 17 Set 2021

sibarinet

Home Politica Bevacqua "Sulla sanità la Corte costituzionale...

Bevacqua “Sulla sanità la Corte costituzionale comincia a fare chiarezza”

“Avevamo espresso a suo tempo le nostre ripetute perplessità sulla perpetuazione del commissariamento della sanità imposto dal Decreto Calabria bis: oggi, la Corte Costituzionale ci dà sostanzialmente ragione. La Regione non può essere esclusa a priori dalla legittimità di presentare un Piano e deve essere messa nelle condizioni di poterlo fare: è questo il punto centrale che ho sempre ribadito nei miei interventi in Consiglio, sottolineando come l’Assemblea Legislativa aveva ed ha quella potestà programmatoria che non le può essere sottratta”.

È quanto dichiara il capogruppo PD in Consiglio regionale, Mimmo Bevacqua, che aggiunge: “Il problema, avevamo scritto e detto in tutte le sedi, non era la mera sostituzione di un commissario con un altro: la questione, come mette nero su bianco ora la Corte, è il commissariamento in quanto tale. Soprattutto se, com’è sempre avvenuto, ci si limita a un avvicendamento di soggetti senza provvedere a dotare i medesimi delle risorse umane e strumentali per porre davvero mano alla questione. Lo Stato non può pensare di risolvere le cose con un tratto di penna e il cambiamento di un nome: è suo compito porre in essere le condizioni per l’attuazione effettiva del piano di rientro e l’uscita dal commissariamento”. “Senza uomini e senza mezzi – prosegue Bevacqua – anche il generale migliore soccombe in battaglia. E, quella per il diritto alla salute, è una battaglia che i calabresi combattono quotidianamente sulla pelle propria e dei propri cari. Spero davvero che, dopo questa pronuncia della Consulta, il Governo nazionale prenda atto della realtà dei fatti e intervenga così come le condizioni presenti richiedono. Perché la Calabria vuole essere parte integrante di questo Paese e i calabresi hanno diritto agli stessi diritti di tutti i connazionali”.