Mar 21 Set 2021

sibarinet

Home Attualità Spettacolo Acquaformosa: al via il festival delle...

Acquaformosa: al via il festival delle Migrazioni, nel segno di Gino Strada

Il decimo anno del Festival delle Migrazioni di Acquaformosa inizia domani nel ricordo di Gino Strada e con una raccolta fondi per l’ospedale di Emergency a Kabul.

Non poteva essere altrimenti dato che ad Acquaformosa l’accoglienza dello straniero e di chi ha bisogno è di casa come ha tenuto a specificare Giovanni Manoccio, presidente dell’associazione Don Vincenzo Matrangolo che il festival lo organizza. 

Il ricco calendario, dal tema “Borghi e Comunità accoglienti”, è stato presentato proprio da Manoccio insieme al direttore artistico del festival Antonio Blandi. Un festival importante dove spiccano le presenze del sociologo ed ex brigatista Renato Curcio (giorno 21 agosto), che parlerà della sua seconda vita al fianco degli ultimi del mondo; di Roberta Ferrutti e Rita Coco e del premio “Acquaformosa che accoglie” (entrambi si terranno giorno 20 agosto).

Si parte mercoledì 19 agosto alle 9.30 alla Terrazza Rossano con il seminario “Dall’approdo della Vlora, allo sbarco dei pregiudizi. I luoghi cerniera e la costruzione delle comunità meticce. Trent’anni di storia delle migrazioni in Italia” che ha per relatori Damiano Guagliardi, ideatore della legge regionale Tutela minoranze; Alberto Polito, psicologo, psicoterapeuta; Griselda Doka, mediatrice interculturale; moderati da Annalisa Ferraro assistente sociale Sai Vaccarizzo Albanese.

Si riprende nel pomeriggio, alle 17.30, in piazza Fontana Vecchia con l’animazione di strada e sculture di palloncini a cura dei ragazzi del Sai minori “La Casa di Roberta Lanzino di Acquaformosa per poi continuare alle 19 nella sede de “La Casa di Roberta Lanzino” con l’inaugurazione della mostra permanente di scrittura creativa a cura di Csc.

Alle 20.30 in piazza Limonello si terrà la cena sociale con Shtridëla me fasule seguita, alle 21, dall’esibizione del Coro dei bimbi e degli operatori dell’associazione e dallo spettacolo “Bouquet Mediterraneo” del Centro Danza Paganini di Brunilda Lato. La prima giornata chiude alle 22 con il concerto della Peppa Mariti Band con la partecipazione di Vincent Costante.

Anche la giornata di giovedì 20 agosto si aprirà con un seminario, sempre alle 9.30 in Terrazza Rossano, dal tema “Il lavoro psicosociale nei progetti Sai e la presa in carico dei sopravvissuti a violenza” che avrà per relatori Antonio Gravina psicologo Sai Acquaformosa; Emilia Soda assistente sociale Sai San Basile; Roberta Laganà psicologa, psicoterapeuta Medici del Mondo Italia; moderati da Chiara Vivone psicologa e psicoterapeuta Sai Cerzeto.


Si continua alla 19 alla Fontana Vecchia dove verrà presentato il libro “Una storia scritta con i piedi” dove parleranno, moderati dal giornalista Alfonso Bombini, le autrici Roberta Ferruti e Rita Coco. Intervengono anche Antonella Adilardi responsabile Sai Msna Acquaformosa e Lidia Vicchio coordinatrice Sai ordinari Acquaformosa.

Alle 20 ci si trasferisce in piazza Limonello per la cena sociale fatta da peperoni e patate a cui seguirà il Premio “Acquaformosa che accoglie”. Dopo la premiazione si terrà il concerto di Badara Seck e Vuxhe Grash.

Nella terza giornata, venerdì 21 agosto dalle 10 in Terrazza Rossano, si terrà il seminario “Migranti, comunità e diritto alla salute”. Ne discuteranno Enzo Romeo medico chirurgo Usmaf; Antonella Torchiaro Medico Caritas Roma; moderati da Simonetta Bonadies psicologa e psicoterapeuta Sai Minori Acquaoformosa.

Alle 17 nella ex sala biblioteca incontro tra i ragazzi della comunità e Takoua Ben Mohamed, fumettista ed autrice di libri.
Alle 19 in piazza Fontana Vecchia si terrà la conversazione sul tema “Razzismo e indifferenza” con Renato Curcio autore ed editore della casa editrice “Sensibili alle foglie” e Maurizio Alfano, ricercatore, moderati dal giornalista Claudio Dionesalvi.

Alle 20.30, in piazza Limonello, cena sociale con pasta china alla calabrese seguita dal concerto di Cosimo Papandrea.

La quarta e ultima giornata del festival si apre sabato 22 agosto alle 10 in Terrazza Rossano con il seminario di formazione legale a cura dell’Asgi – Associazione studi giuridici sull’immigrazione moderato da Lucrezia Esposito, avvocato Sai San Giorgio Albanese.

Alle 17, a Fontana Vecchia, spettacolo per bambini con Clown Couscous e i suoi burattini

Alle 19 incontro sul tema: “10 anni di progetti Sai-Sprar, quali ricadute sui territori?” dove interverranno Gennaro Capparelli sindaco di Acquaformosa; Giuseppe Rizzo sindaco di Cerzeto; Vincenzo Tamburi sindaco di San Basile; Rosaria Capparelli sindaco di San Benedetto Ullano; Gianni Gabriele sindaco di San Giorgio Albanese; Vincenzo De Marco sindaco di San Sosti e Antonio Pomilio sindaco di Vaccarizzo Albanese. A introdurre i lavori e a moderarli sarà Giovanni Manoccio presidente associazione Don Vincenzo Matrangolo.

Seguono, alle 21 in piazza Limonello, la cena sociale a base di cous cous di verdure e il concerto, alle 22, di Baba Sissoko e Mediterranean Blues

Dal 19 al 22 agosto ci sarà, inoltre, il Bibliocamper Itinerante e letture animate a cura di Csc in piazza Fontana Vecchia.

Nel rispetto delle norme anti Covid-19 sarà possibile partecipare agli eventi solo previa prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti e possono accedere solo persone munite
di certificazione verde Covid-19 o tamponi con esito negativo delle ultime 48 ore. Per prenotazioni: prenota.festivalmigrazioni@gmail.com