Lun 20 Set 2021

sibarinet

Home Costume & Società Cerisano, Festival delle Serre: ottima la...

Cerisano, Festival delle Serre: ottima la prima serata della 27^ edizione

Tantissima partecipazione e soprattutto musica, allegria, cultura, divertimento, atmosfere magiche. Una partenza con il botto quella del ventisettesimo Festival delle Serre di Cerisano (Cs). Un programma che, nonostante Covid e restrizioni, non ha voluto far perdere l’appuntamento consolidato con la cultura, gli spettacoli, l’arte e le tante iniziative messe in cantiere dall’amministrazione comunale.

La prima serata ha visto la partecipazione dei MR PEACH con Mattia Tenuta (voce) Mario D’Ambrosio (basso) Giuseppe Viggiano (chitarra) e Francesco Montebello (percussioni) nella piazzetta della “chiocciola”, oltre che la presentazione del libro “Dall’eros universale fatto di mille contrasti” di 𝗗𝗮𝗻𝗶𝗲𝗹𝗲 𝗕𝗶𝗹𝗼𝘁𝘁𝗼 e la proiezione del film “Raya e l’ultimo drago” nella piazzetta Chiusi

Grandi applausi ed emozioni poi con la voce incredibile di Gegè TELESFORO accompagnato da Dario Deidda al basso, Domenico Sanna al piano e Dario Panza alla batteria che hanno ammaliato i tanti ospiti di palazzo Sersale. Senza dimenticare gli Artisti di strada della Compagnia fuoco & Clownerie.

“Il più bel festival della Calabria”, ripete come un mantra il sindaco di Cerisano, Lucio Di Gioia.

Oggi, 9 settembre, è il turno, a palazzo Sersale, di Gene Gnocchi in “Cose che mi sono capitate ancora”; mentre nell’area chiocciola avrà luogo l’omaggio a Lucio Dalla con Sasà Calabrese, Daniele Moraca, Dario De Luca. Ed ancora: gli artisti di strada con Graziella COUS COUS  in “Storie di Burattini” e la presentazione del libro del giornalista Marcello Romanelli “E vissero tutti felici e distanti” per la sezione talk. Per i più piccoli imperdibile l’appuntamento con il cinema della piazzetta Chiusi ed il film Disney “Luca”.

Cerisano, il borgo delle Serre cosentine, accoglie come sempre cittadini ospiti ed affezionati alla buona musica tra le sue piazze ed i vicoli, anche fino a tarda ora. Tra racconti, emozioni e vivacità culturale.