Mer 27 Ott 2021

spazio pubblicitario disponibile

HomeSportCalcioIl Cosenza calcio rinnova la collaborazione...

Il Cosenza calcio rinnova la collaborazione con NTT DATA

Arriva al secondo anno la partnership tra Cosenza calcio ed NTT DATA (come technical advisor sponsor), che fornisce una tecnologia volta a sfruttare l’intelligenza artificiale per dati precisi sull’analisi dell’occupazione degli spazi di gioco dei calciatori. Questa mattina, presso la sala stampa “Bergamini” dello stadio “San Vito – Gigi Marulla”, si è tenuta la conferenza stampa congiunta del Cosenza Calcio e NTT DATA, approfondendo una strumentazione molto utile per lo staff tecnico di una società di calcio (e non solo) che offre la possibilità di correggere quelle defezioni che possono riscontrarsi durante gli allenamenti o (molto più importante) durante le partite stesse.

Ad aprire la conferenza è il vicedirettore Sportivo del Cosenza Calcio, Marcello Pizzimenti, che si dice estremamente soddisfatto di questa collaborazione perché poche società di B hanno questa opportunità molto importante per il lavoro dello staff tecnico. Uno strumento, questo, che può portare svariati vantaggi e sul quale il presidente Guarascio ha voluto puntare per dare un ottimo supporto al proprio staff. “Oltre a offrire una visione a 360 gradi delle sedute quotidiane di allenamento garantisce un’analisi approfondita della gara con l’opportunità di apportare dei correttivi in tempo reale. È un servizio all’avanguardia e siamo molto contenti di questa collaborazione con NTT DATA”.

Un supporto importante e volto a valorizzare la Calabria come sostenuto dal “Senior Vice President, Head of Business Unit Telecom, Development & Big Deals di NTT DATA Italia” e socio fondatore della Sede di Cosenza, Emiliano Graziani: “È importante avere degli obbiettivi, però per raggiungerli bisogna sapere cosa uno ha in mano. Noi, in mano, abbiamo il nostro territorio e le nostre università”. La Calabria, il suo territorio e la propria forza lavoro sono un punto di forza fondamentale per Graziani che sottolinea il proprio orgoglio per come NTT DATA abbia dato l’opportunità di lavoro e crescita professionale a 400 dipendenti che hanno la possibilità di lavorare nella propria terra. “Tutto ciò – conclude il Development & Big Deals di NTT DATA Italia – è dovuto ad un forte legame con il territorio, che ci motiva ad applicare nuove modalità operative a livello locale per riproporle, poi, a livello nazionale e non”.

Quello offerto da NTT DATA, dunque, non è un progetto solito di match analysis, ma una piattaforma ambiziosa in grado di fornire un grande esempio di innovazione tecnologica che può contribuire al miglioramento delle prestazioni sportive. “Il sistema di analisi sviluppato da NTT Data – come sostiene Piero Scarpino (Vice President, Head of Internet of Things, Artificial intelligence & Virtual Reality di NTT DATA Italia e coordinatore del progetto con il Cosenza Calcio) – è, infatti, la prima dimostrazione di come tecnologie avanzate e l’intelligenza artificiale possano fornire ad allenatori e giocatori soluzioni su misura e in tempo reale per rendere ancora migliori le performance sportive. Una piattaforma a 360 gradi che può ancora crescere. I nostri ragazzi stanno lavorando insieme allo staff del mister per rendere il sistema sempre più funzionale alle loro necessità, orgogliosi di poter contribuire alla causa della squadra della quale siamo tutti super tifosi”.

Grande soddisfazione anche per il tecnico Marco Zaffaroni che ricorda come il calcio stia cambiato (anche velocemente, n.d.r.) e come si sia passati dal difficile – o quanto meno macchinoso – scambio di dati di un tempo, alla possibilità di avere risposte in tempi brevissimi ed andare a lavorare su quelle situazioni di gioco che magari possono sfuggire durante i novanta minuti o in allenamento. “Bisogna essere in grado di stare al passo” sostiene Zaffaroni, che prosegue: “Credo che il linguaggio dello sport siano le immagini e attraverso queste ultime si può avere un netto miglioramento didattico per la crescita sia dei calciatori che degli allenatori”.

Una collaborazione, dunque, che sta dando riscontri positivi e che in futuro, come sottolineato anche dal tecnico rossoblù, punterà a consolidare alcune migliorie per rendere questo strumento ancora più vicino alle esigenze del Cosenza calcio.