Dom 23 Gen 2022
spot_img
HomeAttualitàCatanzaro, mascherine all’aperto durante gli eventi...

Catanzaro, mascherine all’aperto durante gli eventi natalizi: l’annuncio del sindaco Abramo

Scatta l’obbligo di indossare le mascherine, per il periodo natalizio, anche nei luoghi all’aperto nelle zone maggiormente interessate da attività commerciali e “movida” a Catanzaro.

Lo ha disposto il sindaco Sergio Abramo, recependo, precisa una nota, le indicazioni pervenute dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica alla luce della crescita dei contagi da Covid 19. L’ordinanza prevede anche l’obbligo di fare uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie dalla mezzanotte di lunedì 6 dicembre alle ore 24,00 di venerdì 31 dicembre 2021, nelle vie e nelle piazze  principali del capoluogo.

Ecco le vie interessate:

CENTRO

  • Piazza Matteotti;
  • Corso Mazzini;
  • Piazza Giuseppe Garibaldi
  • Piazza Basilica Immacolata;
  • Via F. De Seta (Bellavista);
  • Piazza B. Grimaldi;
  • Piazza Cavour;
  • Giardini di San Leonardo.
  • Piazza Le Pera;
  • Piazza Roma;

QUARTIERE LIDO

  • Piazza A. Garibaldi;
  • Corso Progresso.

“L’obbligo di indossare le mascherine all’aperto – si legge in una nota è previsto anche in tutte le zone non citate in cui si determina un’affluenza di persone tale da non poter garantire il distanziamento interpersonale nei luoghi di aggregazione quali: mercati, mercatini natalizi, fiere di vario genere, esposizioni e qualsiasi altro evento organizzato per le festività natalizie all’aperto e comunque ovunque si configurano assembramenti o affollamenti.

Restano esenti dall’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie le persone individuate dalla normativa vigente in materia e nello specifico: i bambini di età inferiore ai sei anni; le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina; i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva. L’inosservanza dell’obbligo dell’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie – si comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 400 a 1000 euro”.